Crollo Acquamarina: Riccardi, idrokinesiterapia alla Pineta del Carso



Trieste, 20 ago - "C'è stato un immediato impegno da parte della Regione per coordinare le attività tra Comune e Asuits e arrivare in breve tempo al trasferimento dell'accreditamento per le prestazioni di idrokinesiterapia ambulatoriale alla struttura della Pineta del Carso. Un ringraziamento va a tutti coloro si sono impegnati per far in modo che il crollo della piscina Acquamarina creasse meno disagi possibili ai pazienti bisognosi di cure".

Lo ha dichiarato il vicepresidente della Regione e assessore alla salute Riccardo Riccardi, commentando il riavvio delle attività di cura precedentemente erogate in convenzione presso la piscina Acquamarina di Trieste.

Prima del crollo, presso la piscina Acquamarina la Casa di Cura Pineta del Carso in convenzione con Asuits erogava prestazioni di fisiokinesiterapia e di idrokinesiterapia, quest'ultima molto importante nel processo riabilitativo di varie patologie croniche e gravemente invalidanti. A seguito dell'inagibilità della piscina Acquamarina a causa del crollo del tetto, per continuare ad assicurare le prestazioni di idrokinesiterapia Asuits, di concerto con l'assessorato ai servizi e alle politiche sociali del Comune di Trieste e con la Direzione della casa di cura Pineta del Carso, ha richiesto alla direzione centrale salute, politiche sociali e disabilità di accreditare nuovamente la piscina sita a Duino Aurisina presso la casa di cura anche per le prestazioni ambulatoriali, così da non interrompere l'attività riabilitativa e non allungare i tempi d'attesa.

La piscina, infatti, era al momento accreditata per svolgere attività riabilitativa solo per i pazienti degenti presso la casa di cura.

La Direzione centrale salute, in brevissimo tempo, ha istruito le necessarie pratiche amministrative di verifica e controllo dei requisiti richiesti per poter erogare prestazioni sanitarie, richiamando dalle ferie alcuni funzionari, e ha nuovamente accreditato la piscina della casa di cura di Duino Aurisina anche per le prestazioni ambulatoriali.

In questo modo si continueranno ad assicurare a tutti i soggetti disabili e ai pazienti che ne hanno giovamento le prestazioni di idrokinesiterapia.

Le prestazioni di fisiokinesiterapia prima fornite presso la piscina Acquamarina saranno invece erogate presso gli ambulatori di Pineta city, sempre in convenzione con la casa di cura Pineta del Carso. ARC/PPD/com



Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Turismo: Bini, guida di Repubblica è strumento di promozione del Fvg

  • Salute: Riccardi, no al mercato del sangue e difendiamo il dono

Torna su
TriestePrima è in caricamento