CULTURA: A ILLEGIO I CAPOLAVORI SUI VIAGGI DELL'ANIMO UMANO

Tolmezzo (Udine), 22 maggio - Cercatori, fuggitivi e pellegrini con sullo sfondo il tema del viaggio, attraverso la mitologia greca e latina, la letteratura cristiana, medioevale e la Divina Commedia.

Queste le atmosfere e le rappresentazioni che fanno da linea conduttrice alla dodicesima edizione della Mostra internazionale di Illegio (Tolmezzo), quest'anno intitolata Oltre, che propone quarantacinque opere, suddivise in cinque sezioni, provenienti dall'Italia e dall'estero. Opere che portano la firma di artisti come Sandro Botticelli, Lorenzo Monaco, Francesco Guarino, Bernardino de' Donati, Jacob Jordaens e Ferdinand Waldmuller.

Un percorso fortemente suggestivo che copre cinque secoli e che sarà aperto al pubblico fino al 9 ottobre. Immagini che immergeranno i visitatori in esodi, fughe, naufragi tormentati e ricerche avventurose. A cominciare dal capolavoro fiammingo del 1652 La Sacra Famiglia in fuga su una barca di Jacob Jordaens, che genera oggi una sensazione di straordinaria attualità, con la figura della Madonna con il Bambino su un barcone che richiama i drammi contemporanei della migrazione.

Artisticamente imponente L'adorazione dei Magi del Botticelli proveniente dagli Uffizi, che trasferisce una mistica particolare, contaminata dalle tensioni delle profezie del Savonarola e che, in un deserto surreale, ci pone davanti ai cercatori di Dio provenienti da ogni angolo del mondo.

Riferendosi alla rassegna di Illegio, di "piccolo gioiello" ha parlato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani che, intervenuta alla cerimonia di inaugurazione, ha esaltato il patrimonio culturale della regione soggetto in questi ultimi anni a un'importante opera di valorizzazione.

Da parte sua l'assessore regionale alla Cultura Gianni Torrenti ha voluto rivolgere un suggerimento al pubblico: quello di visitare la mostra anche una seconda volta, per apprezzare la dimensione suggestiva e intimistica offerta dagli spazi espositivi raccolti e ravvicinati, molto diversi da quelli dei grandi musei. L'assessore ha anche sottolineato l'impegno della Regione nei confronti della Mostra internazionale di Illegio. Impegno evidenziato dal sostegno offerto oltre che dalla direzione centrale Cultura anche da quella al Turismo, guidata dal vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello, presente anch'egli all'inaugurazione.

Oltre ai vertici della Regione Friuli Venezia Giulia, sono intervenuti anche il sindaco di Tolmezzo Francesco Brollo, il quale ha ribadito l'attualità del tema scelto per la Mostra in quanto rapportato alle migrazioni passate e presenti, e l'arcivescovo di Udine Andrea Bruno Mazzocato, che si è soffermato sul significato del viaggio come esperienza che tocca ogni persona umana e che, oltre all'esercizio artistico, impone oggi alle coscienze un momento di profonda riflessione.

Gli orari di apertura della mostra sono: da martedì a sabato dalle 10.00 alle 19.00, la domenica dalle 9.30 alle 19.30, chiusura il lunedì ad eccezione del mese di agosto.

ARC/GG/ppd



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Vaccini: Riccardi, 13/4 agende aperte per inoculazioni palestra Sacile

  • Protezione civile: Zilli a trentesimo fondazione gruppo di Mortegliano

  • Banda ultralarga: Fedriga, soddisfazione per completamento rete Fttx

  • Enti locali: Roberti, condividere iter di riforma tributi immobiliari

  • Attività produttive: Bini, 1 mln a Pmi per investimenti tecnologici

Torna su
TriestePrima è in caricamento