rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Notizie dalla giunta

Cultura: Anzil, Teatro Stabile Fvg da record per numeri e qualità

Bene aprirsi a tutte le realtà della regione, anche le più sperdute Trieste, 19 mag - "C'è soddisfazione e orgoglio non solo per i numeri record della stagione trascorsa ma anche per l'alto valore della proposta culturale del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia". Lo ha affermato il vicegovernatore con delega alla Cultura Mario Anzil in occasione della conferenza stampa indetta oggi a Trieste al Politeama Rossetti nel corso della quale il presidente dello Stabile Francesco Granbassi ha tratto un consuntivo: tra luglio 2022 e maggio 2023 record storico di incassi mai raggiunto, pari a 4.776.201 euro, e record di spettatori - 162.319 - nella graduatoria degli ultimi dieci anni. Altri numeri: 60mila diverse persone entrate nel Politeama, età media degli spettatori di 43 anni, 553 aperture di sipario in 365 giorni, 20 produzioni con tournée in 21 città, conti in ordine con bilancio positivo e, come ha evidenziato il vicesindaco Serena Tonel, il caso raro nel panorama teatrale in cui le risorse proprie, grazie alle entrate dei biglietti, sono superiori alle sovvenzioni pubbliche. Il vicegovernatore Anzil ha apprezzato in modo particolare il proposito espresso dal direttore dello Stabile Paolo Valerio di 'abbracciare tutta la regione'. "Abbiamo grandi progetti per il futuro - ha rilevato Anzil - e il desiderio di portare il teatro nelle piazze, anche nei paesi più piccoli e sperduti del Friuli Venezia Giulia, come un ideale carro di Tespi". Per il Rossetti, come ha spiegato Granbassi, si prospettano ora due appuntamenti: la quarta edizione degli spettacoli estivi nel Parco di Miramare e l'attesissimo sbarco al Politeama de "Il fantasma dell'opera", che ha suscitato una vera e propria febbre nel pubblico e i cui numeri non sono stati inseriti nel consuntivo 2022-2023 per non sovrastimarlo. ARC/PPH/gg

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cultura: Anzil, Teatro Stabile Fvg da record per numeri e qualità

TriestePrima è in caricamento