rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Notizie dalla giunta

Cultura: Gibelli, avvisi stimolano dialogo con attività produttive

Illustrate nell'info-day con oltre 300 partecipanti, tutte le novità dei 9 bandi

Udine, 7 dic - La progressiva "professionalizzazione" dei soggetti di produzione culturale del Friuli Venezia Giulia e l'incentivazione di un forte dialogo con le attività produttive: sono questi i due obiettivi su cui si basa la filosofia dei nuovi bandi per la concessione d'incentivi annuali indetti per il 2022 in materia di promozione delle attività culturali illustrata oggi in un info day in videoconferenza a cui hanno preso parte 300 partecipanti, nel corso del quale sono stati presentati tutti i dettagli dei bandi e le novità sulla modalità della presentazione della domanda.

Nel suo intervento introduttivo l'assessore regionale alla Cultura ha ringraziato tutti i partecipanti e i protagonisti della produzione culturale, a cui è assegnato il prezioso e difficile ruolo di "contribuire a dare la possibilità della bellezza a tutti, unica arma contro l'imbarbarimento" che caratterizza sempre più spesso la società e il dibattito pubblico.

"Abbiamo un compito difficile da compiere in nome della cultura - ha affermato l'assessore - e anche se nessuno vuole mettere in dubbio le esigenze di confronto su tesi, anche se sono basate su condizioni non scientifiche, ciò a cui stiamo assistendo è un progressivo imbarbarimento. La cultura potrà contribuire a rasserenare gli animi, riportando il rispetto tra i valori che guidano la società. Un grazie va a voi a al vostro lavoro con cui siamo certi potremo affrontare al meglio il cammino verso il 2025 quando Gorizia/Nova Gorica sarà Capitale della cultura".

Non a caso i criteri delle premialità dei nove bandi, di cui 7 ordinari e 2 tematici, con una dotazione finanziaria complessiva attuale di 4,37 milioni di euro, prenderanno in considerazione la presenza di iniziative culturali di avvicinamento all'evento "Go!2025 - Nova Gorica e Gorizia Capitale europea della cultura 2025": in sostanza, per progetti pensati a Gorizia o rivolti idealmente alla capitale della cultura 2025.

La novità tra i nove bandi è il tematico trasversale dedicato all'approfondimento della figura di Pier Paolo Pasolini nel centenario della sua nascita, con una dotazione di 200mila euro. Gli altri, con relativa assegnazione sono quello per iniziative legate ad eventi, festival, stagioni o rassegne di spettacolo dal vivo (2,2 milioni di euro); quello per manifestazioni musicali delle orchestre della regione (220mila euro) e cinematografiche (120mila euro); quello per festival cinematografici internazionali (100mila euro); per la divulgazione umanistica (750mila euro) e scientifica (130mila euro) e mostre (450mila euro). A questi si aggiunge il tematico su Creatività (200mila euro) per iniziative progettuali riguardanti attività culturali per favorire l'incontro del mondo produttivo con la creatività.

Per la maggior parte, i beneficiari sono gli enti locali, gli enti pubblici del Friuli Venezia Giulia; le articolazioni territoriali di enti pubblici nazionali presenti nel Friuli Venezia Giulia; gli enti privati senza fine di lucro e le società cooperative che svolgono attività prevalentemente o esclusivamente culturali o artistiche. Dell'avviso Creatività beneficiari sono, oltre agli enti privati no profit, le società cooperative, i gruppi e sezioni giovanili di associazioni di categoria, le università e i loro consorzi.

Alcune novità che sono state introdotte con il bando "Ripartenza" e hanno dimostrato la loro utilità e beneficio vengono recepite anche nella struttura dei nove bandi 2022, come ad esempio la possibilità di partenariati più liberi e la possibilità di annoverare tra i partner imprese culturali e creative.

La più importante novità che accumuna sia gli avvisi ordinari che quelli tematici è infatti la possibilità del partenariato libero - viene quindi a cadere l'esclusività che caratterizzava il rapporto di un partner, che in passato poteva legarsi a una sola proposta progettuale - mentre per quello che concerne gli avvisi tematici Creatività e Pasolini la novità di quest'anno è che possono essere presenti anche partner con scopo di lucro (con sede legale o operativa in Fvg) e partner co-beneficiari (tra questa categoria non non possono essere partner con scopo di lucro e i soggetti esclusi per legge). Il soggetto beneficiario, inoltre, può trasferire ai parnter co-beneficiari una quota dell'incentivo concesso nella misura massima del 30% dell'incentivo concesso in presenza di un partner co-beneficiario e del 40% in presenza di due o più partner co-beneficiario.

Per quanto riguarda la semplificazione, la grande novità è rappresentata dall'eliminazione dell'obbligo di allegare in sede di presentazione della domanda le schede partner. Le istanze di contributo dovranno essere presentate esclusivamente in modalità informatica accedendo al sito www.regione.fvg.it nella sezione attività culturali a partire dalle ore 8 del 9 dicembre e fino le 16 del 17 gennaio 2022.

Il consiglio che è stato fortemente veicolato nel corso dell'info day è quello di non aspettare di caricare le domande all'ultimo minuto. Le graduatorie - è stato reso noto - presumibilmente saranno pronte entro febbraio.

Tra le novità in sede di criteri valutativi, oltre all'inserimento del già citato criterio "avvicinamento a Gorizia-Nova Gorica" valido per tutti gli avvisi tranne che per il tematico "Pasolini", va segnalata l'uscita di scena del criterio della storicità, mentre tra quelle in sede di rendicontazione la necessità di firma digitale. ARC/EP/al



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cultura: Gibelli, avvisi stimolano dialogo con attività produttive

TriestePrima è in caricamento