Cultura: Gibelli, bande importanti per diffondere valore musica

Trieste, 2 agosto - "Le bande rappresentano uno strumento fondamentale per diffondere la cultura musicale sul territorio regionale attraverso una presenza capillare e un'attività che riesce a coinvolgere molti giovani".

Lo ha detto l'assessore alla Cultura del Friuli Venezia Giulia, Tiziana Gibelli, che oggi a Trieste ha presentato il doppio appuntamento del concerto-evento "Guerra di Pace 2018, in memoriam", curato dall'Associazione nazionale bande italiane musicali autonome (Anbima) Fvg, in programma venerdì 24 agosto a Rovereto e sabato 25 agosto (a ingresso gratuito con inizio alle ore 21) ad Aquileia, nella suggestiva cornice di piazza Capitolo, a poca distanza dalla Basilica.

Sottolineando la funzione culturale, didattica e sociale delle bande e paragonandola ad una sorta di "apostolato laico", l'assessore ha ricordato con soddisfazione l'intensa collaborazione tra la stessa Anbima e il Conservatorio di Udine, attraverso l'organizzazione di una serie di campus riservati ai giovani nei quali il grado di apprendimento viene certificato dallo stesso Conservatorio.

"Un esempio - ha affermato Gibelli - unico e virtuoso di sinergia che il Friuli Venezia Giulia potrebbe esportare anche in altre regioni nell'ottica di esaltare e promuovere in ambito musicale il coinvolgimento delle nuove generazioni".

I due concerti agostani vedranno la partecipazione di 158 ragazzi della banda dell'Anbima regionale, uniti ai 40 cantori del coro Sant'Ilario di Rovereto. Come è stato spiegato dagli stessi organizzatori, la scelta di Aquileia è ricaduta in virtù del valore storico della figura del milite ignoto, la cui salma nel 1921 venne tumulata nel sacello posto sull'Altare della Patria, a Roma, dopo essere stata trasportata da uno speciale carro funebre ferroviario partito proprio dalla stessa Aquileia.

Il repertorio musicale è composto da 11 canti della Grande Guerra reinterpretati e arrangiati per banda e coro da altrettanti compositori provenienti da tutt'Italia. La finalità è quella di rivedere e arricchire in chiave contemporanea l'esperienza della guerra recuperando i canti e le melodie che l'hanno rappresentata.

Il progetto "Guerra di Pace 2018, in memoriam" si inserisce nel percorso culturale e celebrativo per il centenario della prima guerra mondiale: la prima tappa, nel 2015, fu l'esibizione della formazione bandistica giovanile al Sacrario Militare di Redipuglia, a cui fece seguito due anni dopo un concerto al Sacrario Militare del Verano a Roma. ARC/GG/fc
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Casa: Fedriga, ordinanza Tribunale Udine discrimina cittadini italiani

  • Covid: Bini, da 18/3 ristori da 500 a 10mila euro ad attività in crisi

  • Sicurezza: Roberti, necessario far luce su contatti passeur-terroristi

  • Vaccini: Fedriga, certezze su dosi e tempi

  • Infrastrutture: Pizzimenti, 1,8 mln per banda larga nelle Pa

Torna su
TriestePrima è in caricamento