Cultura: Gibelli, "Fiume di note" valorizza distretto della Musica Fvg



Pordenone, 13 lug - "Un'iniziativa nel solco del distretto culturale esistente, che fa della musica uno degli elementi capaci di dare valore ad un territorio fortemente vocato per questa arte, grazie alla presenza di numerose eccellenze".

Così l'assessore regionale alla Cultura, Tiziana Gibelli, ha definito quest'oggi il progetto musicale "Fiume di note" presentato a Pordenone nel corso di una conferenza stampa. L'iniziativa si compone di una decina di appuntamenti che prenderanno il via il 24 luglio per chiudersi il 26 settembre e toccherà diverse località del Friuli Venezia Giulia partendo da Polcenigo per poi lambire anche Aquileia, Gemona, Cividale e Sacile.

Curata da Dory Deriu Frasson e da Davide Fregona, la kermesse è realizzata dal Comune di Polcenigo sotto l'egida di Piano Fvg e il Distretto culturale del Friuli Venezia Giulia, con la collaborazione di Mittelfest e con il sostegno e il contributo della Regione e numerose altre istituzioni pubbliche e private.

Alla presenza dei sindaci Polcenigo e Sacile, Mario Della Toffola e Carlo Spagnol, la presentazione del programma si è aperta con un omaggio musicale al compianto Ennio Morricone, ricordato con le note del maestro di tromba Diego Cal che ha eseguito alcuni dei brani più famosi delle colonne sonore composte dal musicista romano di fama internazionale.

Proprio prendendo spunto da Morricone, Gibelli ha voluto evidenziare quale sia l'importanza della musica per le persone e, di conseguenza, anche degli eventi come Fiumi di note. "Il Maestro - ha detto - considerava la musica una parte integrante dell'esistenza e che quindi non può essere tolta ai cittadini. Con coraggio e fantasia, di fronte alla situazione di emergenza che stiamo superando, è giusto continuare a sostenere manifestazioni come questa perché ciò significa dare vita alle persone".

Quindi l'esponente dell'esecutivo Fedriga ha rivolto un plauso al distretto della Musica presente nella Destra Tagliamento, che si concretizza attraverso eccellenze del territorio. "Dalle foreste del Cansiglio - ha detto Gibelli - provengono i legni pregiati per la costruzione di strumenti musicali, di cui Fazioli ne rappresenta solo uno degli esempi più emblematici. Le abili mani si formano e crescono nell'istituto di Brugnera, dando così continuità ad una trazione che rischiava di andare perduta. A tutto ciò si sommano gli eventi di grande livello come questo, che danno senso e valore al distretto della Musica in questa zona della regione".

Infine Gibelli ha anticipato che entro la fine del 2020 sorgerà un altro distretto di valenza culturale che darà prestigio al Friuli Venezia Giulia, ossia quello legato al poeta di Casarsa Pier Paolo Pasolini. ARC/AL/gg



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento