Cultura: Gibelli, più competitività con progetto Ita-Slo

Tolmezzo, 23 nov - Rafforzare l'innovazione dell'ecosistema transfrontaliero delle piccole e medie imprese, migliorando la competitività e le opportunità di mercato delle Industrie Culturali e Creative, mettendole in connessione con le Pmi tradizionali affinchè introducano nei loro processi produttivi elementi di "innovazione dirompente".

È questo l'obiettivo del progetto "Diva", ricompreso nell'ambito del programma di cooperazione transfrontaliero Interreg V-A Italia-Slovenia 2014-2020, approvato oggi dalla giunta regionale, su proposta dell'assessore alla cultura Tiziana Gibelli.

L'iniziativa, che prevede come lead partner la Camera di commercio di Venezia e Rovigo e che coinvolge 14 tra enti ed istituzioni tra cui anche la Direzione centrale Cultura della Regione Friuli Venezia Giulia, Area Science Park, Friuli innovazione e Informest, può contare su un budget complessivo di oltre 3,5 milioni di euro. L'attività dovrà partire a marzo del 2019 per concludersi a febbraio del 2022.

Il progetto è finalizzato al rafforzamento della cooperazione fra gli attori chiave dell'ecosistema, al fine di potenziare il trasferimento di conoscenza e introdurre elementi di innovazione dirompente nei settori cardine dell'impresa culturale e creativa dell'area. Inoltre "Diva" si pone l'obiettivo di far aumentare fra gli attori coinvolti la conoscenza dei processi di "art thinking" e "design thinking" e delle opportunità di crescita esistenti. ARC/AL/ep
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Patrimonio: Callari, immobili Regione supporteranno Gorizia 2025

  • Autonomie locali: Roberti a Governo, urgente sblocco concorsi

  • Salute: Riccardi, potenziare servizi autismo è atto di normalità

  • Università: Rosolen, circa 450mila euro per studenti in affitto 2020

  • Salute: Riccardi, con odontoiatria a Monfalcone più risposte

Torna su
TriestePrima è in caricamento