rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Notizie dalla giunta

Cultura: Gibelli, premio a regista Asghar Farhadi come messaggero pace

Ieri sera la consegna al Kinemax al produttore iraniano due volte vincitore dell'Oscar Gorizia, 20 lug - "Per il suo valore di messaggero di pace, apertura e convivenza, il premio ad Asghar Farhadi assume una speciale importanza in vista del 2025, anno in cui Nova Gorica e Gorizia saranno Capitale Europea della cultura, la prima a carattere transfrontaliero". Lo ha detto ieri sera l'assessore regionale alla Cultura, Tiziana Gibelli leggendo le motivazioni che hanno portato all'assegnazione del 41° Premio internazionale alla migliore sceneggiatura "Sergio Amidei" per la sezione "Premio speciale Sergio Amidei all'opera d'autore" ad Asghar Farhadi, regista, sceneggiatore e produttore iraniano, due volte vincitore dell'Oscar al miglior film straniero per "Una separazione" del 2012 e "Il cliente" del 2017. A consegnare il prestigioso riconoscimento, ieri sera al Kinemax di Gorizia, è stato l'assessore regionale alla Cultura, con la motivazione "per la sua eccezionale arte nel saper raccontare persone vere in un mondo reale. Attraverso le sue narrazioni e i suoi personaggi immersi nei dubbi, nei conflitti e nelle contraddizioni della società iraniana, Farhadi ha saputo raccontare valori e contenuti universali, prendendo spunto anche dal neorealismo italiano e dai maestri del nostro cinema". Nel suo intervento, Gibelli ha ricordato la situazione di grave difficoltà in cui stanno versando alcuni registi in Iran, agli arresti da qualche giorno, auspicando, cogliendo l'appello di Farhadi, la loro liberazione nel nome della libertà, della democrazia e per consentire loro di potersi continuare a esprimere raccontando la storia della loro terra attraverso lo strumento universale della pellicola e dell'immagine. Nel ringraziare per il premio e per le parole di Gibelli solidale con i registi posti agli arresti, Asghar Farhadi ha detto che spesso si considera più uno scrittore che un regista e che sente l'esigenza di scrivere perché la "penna" è un balsamo che ci aiuta a dimenticare le nostre tensioni, i nostri dolori e le nostre difficoltà. Nel mondo della scrittura, ha detto ancora, possiamo dare l'opportunità alle persone di potersi difendere e ad avere una dignità, cose che nella realtà purtroppo spesso non esistono. ARC/PT/gg


In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cultura: Gibelli, premio a regista Asghar Farhadi come messaggero pace

TriestePrima è in caricamento