Cultura: Gibelli, Premio Hemingway sia evento ripartenza per Lignano

Udine, 22 mag - "Ora non è tempo per pensare a ciò che non hai. Pensa a quello che puoi fare con quello che c'è".

È con una frase tratta da "Il vecchio e il mare" di Ernest Hemingway che l'assessore regionale alla Cultura Tiziana Gibelli ha aperto il suo intervento per la presentazione ufficiale dei vincitori della 36ma edizione del Premio dedicato al grande scrittore statunitense.

"L'ho trovata - ha osservato Gibelli - una frase quanto mai adatta per questi tempi e per incoraggiare i soggetti culturali che, come la Fondazione pordenonelegge e la giuria del Premio, ma anche come Vicino/Lontano, che ha fatto da apripista, stanno cercando con coraggio e creatività di continuare le iniziative a favore del pubblico: il digitale consente molto, ma certo sia per il pubblico, sia anche per chi sta sul palco è fondamentale incontrarsi, poter sentire il profumo della condivisione e del coinvolgimento. Ma è importante adesso fare ciò che è possibile".

Nel corso del collegamento in videoconferenza l'assessore ha poi aggiunto che "gli auspici miei e dell'assessore Bini sono che questo evento sia lo starter della ripartenza di Lignano. Il governatore Fedriga teneva - ha reso noto Gibelli - a conoscere personalmente David Grossman, ma speriamo che questo possa essere possibile il prossimo anno".

L'autore israeliano è il vincitore del Premio, infatti, per la sezione Letteratura, mentre l'astronauta Samantha Cristoforetti è la vincitrice nella sezione "Testimone del nostro tempo", lo storico Alessandro Barbero in quella "Avventura del pensiero" e l'artista Guido Guidi in quella "Fotografia".

I vincitori sono stati annunciati oggi dall'assessore alla Cultura del Comune di Lignano Ada Iuri, con interventi - tra gli altri - del presidente della giuria del Premio Hemingway Alberto Garlini, assieme a Gian Mario Villalta, e della direttrice della Fondazione Pordenonelegge Michela Zin.

Promosso dal Comune di Lignano Sabbiadoro con il sostegno degli assessorati alla Cultura e alle Attività Produttive e Turismo della Regione Friuli Venezia Giulia, attraverso la collaborazione con la Fondazione Pordenonelegge, il Premio approfondirà gli scenari che ci aspettano nel post-emergenza nel corso degli incontri con i vincitori che scandiranno il cartellone, in un piccolo "festival" di scena da giovedì 25 a sabato 27 giugno, attraverso una modalità inedita: la messa online accessibile a tutti sul sito e i canali social del Premio, di Fondazione Pordenonelegge e del Comune di Lignano.

Il pubblico incontrerà così i vincitori in una dimensione che non sarà in presenza, come per le precedenti edizioni, ma non per questo - assicurano i curatori - risulterà meno emozionante e coinvolgente. Elemento caratterizzante di questa edizione del Premio sarà la promozione, dal web per spettatori di qualsiasi latitudine e quindi per una platea molto più vasta, della proposta insieme culturale e turistica: Lignano sarà al centro di ogni collegamento, non solo perché sede del Premio Hemingway, ma come riferimento preciso nel corso dei talk.

Immagini video dedicate scorreranno per evocare la "piccola Florida" italiana di Hemingway, approdo che si sta riaprendo all'arrivo dei suoi visitatori e turisti.

Non mancherà, accanto agli incontri con i protagonisti, l'appuntamento con la cerimonia di premiazione, in programma sabato 27 giugno alle 18 al Cinecity, e che, come gli incontri, sarà accessibile a tutti online. Tutto il programma su www.premiohemingway.it ARC/EP/al



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento