Domenica, 17 Ottobre 2021
Notizie dalla giunta

Cultura: Regione, favorire contatti imprese creative e tradizionali

Pordenone, 29 set - La cultura è fattore chiave per lo sviluppo dell'economia e per crescere e svilupparsi le imprese culturali e creative del Friuli Venezia Giulia devono ampliare i propri segmenti d'attività avvicinandosi e collaborando con le aziende tradizionali. Per le realtà culturali realizzare eventi e presentare la propria all'interno delle fiere, luoghi tradizionalmente vocati al business, è quindi un passaggio simbolicamente importante che conferma la capacità del nostro territorio di generare imprese di successo anche in ambito creativo. I campi d'azione delle realtà culturali sono vasti e molteplici e tale complessità è un patrimonio importante per generare collaborazioni e partnership con aziende operanti in campi molto diversi.

È questo, in sintesi, il messaggio lanciato dall'assessore regionale alla Cultura e Sport durante la seconda giornata dei Creative Days, l'iniziativa organizzata dalla Regione e dal Cluster Cultura e Creatività, in collaborazione con gli incubatori di impresa, parchi e poli tecnologici regionali (Area Science Park, BIC Incubatori FVG, Friuli Innovazione, Informest e Polo Tecnologico Alto Adriatico) per valorizzare il ruolo che hanno le imprese culturali e creative nello sviluppo economico del territorio.

L'esponente della Giunta ha rimarcato come Pordenone fiere abbia compreso che i Creative Days rappresentino un momento per lo sviluppo delle imprese e delle opportunità imprenditoriali del Friuli Venezia Giulia e proprio per questo motivo il prossimo anno si terrà la prima Fiera regionale dedicata alle Industrie Culturali e Creative, realizzata anche grazie al progetto Interreg Central Europe Sache. Evidenziando come al momento le fasi più complesse della pandemia sembrino superate, grazie a strumenti come il vaccino e il Green pass che scongiurano il rischio di ulteriori lockdown, l'assessore ha ribadito che i mesi di interruzione forzata di molte attività considerate normali abbiano evidenziato l'importanza della cultura, in senso ampio, nella vita di tutti i giorni e ha rimarcato la necessità di continuare a sfruttare gli strumenti digitali, forse l'unico lascito positivo dal Covid-19, per ampliare la platea degli eventi culturali.

L'assessore ha quindi sottolineato che il percorso verso Nova Gorica e Gorizia "Capitale europea della cultura 2025" è tracciato e quindi il momento è favorevole per favorire, anche attraverso le aggregazioni e gli strumenti messi in campo dalla Regione, lo sviluppo di una logica di sistema che consenta di effettuare un salto di qualità alle imprese culturali e creative del Friuli Venezia Giulia. ARC/MA/pph



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cultura: Regione, favorire contatti imprese creative e tradizionali

TriestePrima è in caricamento