CULTURA: TORRENTI, INTERESSE A LUBEC PER MODELLO GESTIONE REGIONE FVG

Lucca, 08 ott - "L'Italia ha affrontato in modo non sufficientemente adeguato la sfida di quella parte dell'economia che ruota attorno alla valorizzazione dei Beni Culturali: un sistema di imprese che è uno dei pochi che ha continuato a crescere anche durante la crisi. Non recuperare il tempo perduto sarebbe lo spreco di un'enorme opportunità".

Lo ha osservato l'assessore regionale alla Cultura del Friuli Venezia Giulia Gianni Torrenti aprendo il workshop Modelli replicabili e Sistemi integrati per la Gestione del Patrimonio culturale organizzato all'interno di LUBEC 2015, rassegna dedicata ai temi della valorizzazione dei Beni Culturali in programma al Real Collegio di Lucca oggi e domani.

Nel workshop, moderato dall'economista della Cultura Stefano Monti, il Friuli Venezia Giulia ha presentato il suo Modello di gestione integrata e i primi risultati della nuova Strategia di specializzazione intelligente (S3) 2014-2020 che vede la cultura come volano per la crescita delle imprese culturali e creative.

Nel suo intervento di apertura Torrenti ha posto l'accento sulla necessità "di porre al centro degli obiettivi l'utenza, finalizzando gli strumenti e i contenuti che si creano all'intercettarne le aspettative e costruendo attorno a essa un percorso di crescita", tenendo conto che "la sensibilità e l'attenzione dei cittadini, dei turisti, dell'utenza in generale, è in questi ultimi anni straordinariamente aumentata".

Anche i dati che disegnano l'importanza delle Industrie Culturali e Creative (ICC) sono imponenti. Torrenti ha ricordato che in Italia sono 443.208 con 1.450.836 persone impiegate, un business che, considerato l'indotto, arriva a 227 miliardi di euro e che rappresenta il 15,6 per cento del valore nazionale. Le imprese del comparto localizzate in Friuli Venezia Giulia sono 8.622, l'1,9 per cento del totale delle imprese italiane.

Il fenomeno imprenditoriale è caratterizzato dalla crescita della presenza di giovani, donne e stranieri. A favore di queste imprese la Regione Friuli Venezia Giulia ha destinato interventi mirati (4 milioni di euro a valere sul POR FESR per la nascita e l'incubazione di ICC 2014-2020).

Dalle elaborazioni di Unioncamere sulla spesa turistica legata al fattore culturale emerge anche che in Friuli Venezia Giulia quasi la metà della spesa dei turisti (49,7 per cento) è attribuibile alla cultura. La regione si trova al secondo posto subito dopo le Marche (49,8 per cento) ed è 13 punti percentuali sopra la media italiana (36,5 per cento).

A illustrare nel dettaglio il Modello di gestione del Patrimonio culturale della Regione è stata la direttrice centrale Cultura Anna Del Bianco. Dopo aver tratteggiato i cardini della Riforma regionale che si è occupata di Attività culturali con la nuova legge approvata nel 2014 e di Beni culturali con la norma varata nel settembre 2015 per il Sistema dei Musei, la valorizzazione dei beni mobili e immobili e delle biblioteche, Del Bianco ha relazionato sul processo di riassetto degli enti culturali regionali.

"Dopo la prima fase di creazione della governance dell'Azienda speciale Villa Manin e della costituzione dell'Istituto Regionale per il Patrimonio Culturale (IRPaC) del FVG che si è conclusa, ora si procede verso la seconda fase: l'assorbimento delle funzioni provinciali e la gestione dei musei e dei luoghi della cultura" ha detto Del Bianco.

A oggi, dunque, la direzione centrale Cultura della Regione si occupa di legislazione, programmazione e rapporti con lo Stato; l'IRPaC di catalogazione e formazione; l'Azienda speciale Villa Manin di attrazione, attività espositive e gestione delle residenze culturali; la Fondazione Aquileia della gestione del sito UNESCO.

Per la seconda fase della Riforma occorrerà un sistema di gestione dei musei e luoghi di cultura provinciali. "Ci si orienterà verso un unico ente, braccio operativo dell'Amministrazione regionale, cui conferire beni e con competenze di catalogazione e divulgazione, potenziamento della scuola di restauro, definizione degli standard dei musei, gestione dei musei provinciali, integrazione con il Polo museale del FVG", ha spiegato Del Bianco.

A illustrare obiettivi e caratteristiche degli enti della Regione sono stati Antonio Giusa, direttore dell'Azienda speciale Villa Manin, Rita Auriemma, direttrice dell'IRPaC, Cristiano Tiussi, direttore della Fondazione Aquileia. Maurizio Caradonna, manager di Innovation Factory (AREA Science Park Trieste), infine, ha relazionato in merito ai risultati del percorso a sostegno della nascita di startup innovative nel settore culturale.

ARC/EP



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Finanze: Zilli, investimento Friulia in Bic è strategico e crea volano

  • Friulano: Roberti, pressing su Governo per più friulano in Rai

  • Banda ultralarga: Fedriga, soddisfazione per completamento rete Fttx

  • Enti locali: Roberti, condividere iter di riforma tributi immobiliari

  • Lavoro: Rosolen, domicilio fiscale per modulare incentivi assunzioni

  • Vaccini: Fedriga-Riccardi, da domani prenotazioni anche via web

Torna su
TriestePrima è in caricamento