rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Notizie dalla giunta

Demanio: Callari, Governo prenda posizione su concessioni balneari

Udine, 29 dic - "Il Governo prenda una posizione chiara sull'applicazione in via transitoria della legge 145/18 in modo da dare ai concessionari la risposta immediata che si aspettano".

Lo ha detto l'assessore regionale al Patrimonio e demanio, Sebastiano Callari, nel corso della riunione della Commissione demanio della Conferenza delle Regioni che riunisce gli assessori competenti in materia.

"È innegabile che le attuali regole vadano riviste - ha ribadito Callari -; se siamo in Europa e condividiamo le risorse del Pnrr dobbiamo accettare anche le norme comunitarie. C'è però un punto importante che riguarda il periodo transitorio durante il quale le Regioni dovranno rispondere ai concessionari prima che le nuove regole vengano scritte".

Alla riunione di oggi si è giunti dopo la Commissione del 16 novembre alla presenza del ministro Massimo Garavaglia, cui aveva fatto seguito una nota trasmessa al ministro per gli Affari regionali Maria Stella Gelmini in data 7 dicembre, a firma del presidente della Commissione Marco Scajola e del vice Presidente Fulvio Bonavitacola, e dopo la Conferenza delle Regioni di lunedì 20 dicembre nel corso della quale il presidente Massimiliano Fedriga aveva chiesto di trasmettere alla Commissione referente la proposta di ordine del giorno per l'adeguamento della normativa in materia di demanio marittimo ad uso turistico-ricreativo presentata dalla Regione Veneto.

Nel frattempo, ieri si è inoltre svolta una riunione tra le associazioni di categoria dei concessionari e i rappresentanti del governo (ministri Gelmini, Garavaglia, Giorgetti e Orlando) per la costituzione di un tavolo tecnico da cui far emergere una proposta risolutiva. Su questo punto Callari ha auspicato che "le Regioni siano chiamate a partecipare a questo tavolo di lavoro, avendo già elaborato diverse proposte". ARC/SSA/pph



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Demanio: Callari, Governo prenda posizione su concessioni balneari

TriestePrima è in caricamento