rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Notizie dalla giunta

Demanio:su concessioni balneari Regione ha agito rispettando normative



Trieste, 8 giu - Per rinnovare 111 concessioni (scadute) gestite dalla Regione (sulle 158 totali) si è proceduto nel rispetto delle normative nazionali ed europee: nella stragrande maggioranza, gli assegnatari sono stati i "vecchi" concessionari, per il solo motivo che sono stati gli unici che hanno presentato domanda. Solo in alcuni casi, in seguito a domande concorrenti, si è proceduto con una comparazione delle offerte.

Lo ha sottolineato l'assessore regionale al Demanio intervenendo oggi sul tema. L'esponente dell'esecutivo ha ricordato che, per quel che attiene le concessioni demaniali, nel 2020 la Regione Friuli Venezia Giulia ha proposto una legge regionale per cercare di andare incontro alle esigenze dei concessionari e anche a quelle dei funzionari (dotando questi ultimi di uno strumento normativo di riferimento); legge che poi è stata votata all'unanimità di tutti i consiglieri regionali.

L'assessore regionale al Demanio ha fatto notare inoltre che la legge non prevedeva una proroga automatica della concessione ma un rinnovo, sulla base dell'unica normativa vigente oggi in Italia in materia, il Codice della navigazione; quest'ultimo dà la possibilità di compiere una manifestazione di evidenza pubblica nel caso in cui sia necessario mettere a concessione un bene pubblico. La manifestazione di evidenza pubblica non è una gara (perché altrimenti sarebbe soggetta al codice degli appalti) né è legata a una proroga.

Come spiega ancora l'assessore regionale, "rinnovare" significa dare nuovamente una concessione sulla base di una procedura di evidenza pubblica (con atto amministrativo). La proroga, invece, non prevede alcun atto amministrativo. Le concessioni sono state pertanto rinnovate a chi ne ha fatto richiesta in base a questo specifico iter normativo. ARC/PT/al



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Demanio:su concessioni balneari Regione ha agito rispettando normative

TriestePrima è in caricamento