Deportati di Gorizia: dramma del confine orientale a lungo ignorato



Trieste, 3 mag - Restituire dignità alle vittime delle grandi tragedie connesse alla storia del Confine orientale è uno degli obiettivi della Regione, che intende sostenere in maniera convinta la diffusione delle verità storiche legate a drammi come quello dei deportati goriziani nel maggio del 1945. Un dramma troppo a lungo dimenticato, avvenuto dopo la fine della Seconda Guerra mondiale e quindi teoricamente in tempo di pace, nel quale persero la vita centinaia di abitanti di Gorizia, che vennero strappati alle proprie famiglie per trovare la morte nelle carceri jugoslave o nelle foibe.

Oggi il confine tra Italia e Slovenia non esiste più e l'amicizia tra il Friuli Venezia Giulia è salda e fruttuosa. Un rapporto che potrà essere reso ancora più solido con la concretizzazione di un'Europa dei popoli che, attraverso il rispetto delle particolarità e delle particolari delle sue genti, permetterà di superare i drammi del passato ed eviterà che si ripetano.

È questo il concetto espresso a Gorizia dall'assessore regionale alla Funzione pubblica, durante la cerimonia in onore dei 665 deportati in Jugoslavia, che si è svolta al Parco della rimembranza, dove sorge il monumento a loro dedicato.

In particolare è stato evidenziato che, nonostante molte verità su quanto avvenuto siano rimaste a lungo nascoste, oggi viene celebrata una verità, ovvero che luoghi come il Parco della rimembranza di Gorizia sono fondamentali per l'identità del Friuli Venezia Giulia. ARC/MA/ppd



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Salute: Riccardi, dal 2 marzo riparte ortopedia a San Daniele

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Lavoro: Rosolen, via a selezioni per corsi mirati per il turismo

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

Torna su
TriestePrima è in caricamento