Notizie dalla giunta

Digitale: Callari, sì polo anti hacker ma risorse anche a Regioni

Trieste, 4 ago - "Siamo favorevoli all'investimento del Governo di 700 milioni di euro per la costituzione di un polo nazionale anti hackeraggio, perché ormai il nuovo terrorismo corre sulla rete e occorre difendere in futuro istituzioni e cittadini da attacchi sempre più sofisticati, ma riteniamo sia fondamentale provvedere a rafforzare anche le seconde barriere con finanziamenti adeguati a favore dei cloud delle Regioni".

Lo ha affermato l'assessore regionale ai Sistemi informativi Sebastiano Callari in seguito alla richiesta di parere da parte della Conferenza delle Regioni in seguito al provvedimento assunto dal Governo dopo l'attacco hacker alla Regione Lazio avvenuto domenica scorsa.

"Il fatto ha destato giustamente notevole preoccupazione e il Friuli Venezia Giulia è convinto - ha aggiunto Callari - che disporre di una task force, un polo polo strategico nazionale, sia importante: tuttavia riteniamo che la prevenzione sia da attuare su vari fronti. La prima barriera agli attacchi potrà essere quella nazionale, ma adeguate risorse dovranno essere previste anche per dotare i sistemi informativi delle Regioni di una seconda efficace barriera di protezione. È un po'- è stato l'esempio dell'esponente regionale - quello che accade nella lotta alla pandemia, in cui alla prima barriera fornita dalla vaccinazione non bisogna far mancare tutte le altri armi a disposizione per alzare il livello di difesa dal virus".

ARC/EP/pph



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Digitale: Callari, sì polo anti hacker ma risorse anche a Regioni

TriestePrima è in caricamento