Dm Elektron: Fedriga chiede a proprietà garanzie su futuro

Trieste, 12 dic - "Chiedo alla proprietà garanzie sul mantenimento dei livelli occupazionali e, al contempo, faccio appello alle parti sociali affinché, a fronte degli impegni che l'azienda vorrà assumersi, si possa aprire una nuova fase di dialogo e confronto propositivo sul futuro dell'impianto di Buia".

Queste le richieste avanzate dal governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, durante l'incontro, tenutosi stamane a Trieste, alla presenza degli assessori Bini, Rosolen e Zilli, con proprietà e sindacati di Dm Elektron.

"Se il taglio dell'Irap, appena licenziato dalla Giunta regionale, testimonia ampiamente l'attenzione rivolta agli investimenti dei privati sul territorio, le risorse che abbiamo destinato in legge di bilancio a vantaggio delle stabilizzazioni è - ha evidenziato Fedriga - al contempo specchio di quanto la stessa Amministrazione sia vicina alle esigenze dei lavoratori".

"Su queste premesse - ha spiegato il governatore - dobbiamo tenere conto delle esigenze di entrambe le parti in causa, facendo leva sul loro senso di responsabilità e sulla volontà di addivenire a una soluzione capace di porre fine allo stato di agitazione e di far ripartire la produzione".

"Ben comprendendo le preoccupazioni in essere - ha concluso Fedriga - chiedo pertanto alla proprietà di assumersi l'impegno di mantenere i livelli occupazionali a Buia: un importante segnale di apertura, cui sono certo le parti sindacali faranno seguire le opportune azioni per riprendere la piena operatività dell'impianto". ARC/COM/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Salute: Riccardi, dal 2 marzo riparte ortopedia a San Daniele

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

  • Lavoro: Rosolen, via a selezioni per corsi mirati per il turismo

Torna su
TriestePrima è in caricamento