Economia: Bini, dal Frie liquidità alle imprese per oltre 200 milioni

Il presidente Da Re, Frie in crescita nei primi 10 mesi del 2020 Udine, 19 ott - Ammontano ad oltre 200 milioni di euro i finanziamenti erogati nel 2020 dal sistema dei Fondi di rotazione regionali a favore delle imprese del Friuli Venezia Giulia. I dati sono stati presentati stamattina a Udine dall'assessore regionale alle Attività produttive, Sergio Emidio Bini, e dal presidente del Fondo di rotazione per le iniziative economiche (Frie), Alessandro Da Re. "Il Frie ha dimostrato di saper rispondere con efficacia e efficienza alla crisi economica dovuta alla pandemia, così come alla spinta agli investimenti che comunque sta caratterizzando le Pmi della regione" è stato il commento di Bini che ha ricordato come "negli ultimi dieci mesi è incrementato a doppia cifra il numero di interventi e il solo slittamento del pagamento delle rate ha portato cassa per le nostre imprese per 170 milioni di euro". Andando al dettaglio dei numeri, i nuovi prestiti a tasso agevolato deliberati sul Frie nei primi dieci mesi del 2020 ammontano a complessivi 155,7 milioni di euro, in aumento rispetto al corrispondente dato del 2019 e anche del 2018 (quando le concessioni furono, rispettivamente, di 128,4 e 134,7 milioni). Altrettanto significativi i dati relativi al Fondo per lo sviluppo delle Pmi e dei servizi, che nei primi 9 mesi di quest'anno ha finanziato la concessione di prestiti a tasso agevolato per l'importo complessivo di circa 20,2 milioni di euro, con una sostanziale tenuta rispetto al dato record dell'anno scorso (quando le concessioni furono di 23,1 milioni) e in deciso aumento rispetto al 2018 (15,6 milioni). La Sezione Anticrisi ha beneficiato delle nuove possibilità offerte dalla normativa europea in materia di aiuti di Stato, così che gli strumenti finanziari regionali hanno registrato un altissimo numero di domande che hanno comportato l'esaurimento delle pur rilevanti risorse messe a disposizione pari a circa 39,1 milioni. Soltanto nel periodo post lockdown, dal 21 maggio all'8 ottobre, sono state trattate 243 pratiche Covid-19 per complessivi 35,2 milioni di euro. A questi, come ricordato da Bini, si aggiunge la liquidità lasciata nelle casse delle imprese con il provvedimento di sospensione del pagamento delle rate dei prestiti agevolati concessi tramite il Comitato di gestione del Frie (che include Frie, Fondo per lo sviluppo delle Pmi e dei servizi, Sezioni per gli interventi anticrisi a favore delle imprese artigiane e delle attività produttive e delle imprese commerciali, turistiche e dei servizi) fino a due semestralità, che ha interessato 2.500 imprese per un ammontare complessivo, tra i vari fondi e sezioni, di oltre 170 milioni di euro. Numeri che hanno lasciato sorpreso lo stesso presidente Da Re, il quale ha evidenziato "una situazione di difficile analisi, in cui il Frie è in crescita, il Fondo sviluppo risente di un rallentamento nelle domande a magazzino e la sezione anticrisi è andata oltre le previsioni. Paradossalmente in questi mesi le imprese avrebbero potuto rinunciare ai finanziamenti richiesti prima dello scoppio della pandemia, invece il Frie sta lavorando e ha già erogato 27 milioni in più dell'anno scorso in dieci mesi". In 65 anni di attività dalla sua fondazione, il solo Frie ha concesso 6.603 finanziamenti per un totale di oltre 7 miliardi di euro. Ora si guarda al futuro e ad un necessario adeguamento degli strumenti finanziari al nuovo contesto. "Ci troveremo ad affrontare ancora una fase difficile - ha detto Bini -, ma arriveremo in aula a gennaio con la nuova legge regionale sull'economia, che conterrà anche una rivisitazione della legge 2/2012 sul credito agevolato; l'obiettivo che ci siamo dati è rendere il Frie uno strumento ancor più appetibile, caratterizzato da una minore onerosità e da una maggiore semplificazione degli strumenti messi in campo". ARC/SSA/ma

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Vitivinicoltura: Fedriga, futuro è coniugare qualità e sostenibilità

  • Covid: Fedriga, parte da sei Comuni lo screening per isolare positivi

Torna su
TriestePrima è in caricamento