ECONOMIA: BOLZONELLO, OK A PROGETTI NAUTICA DA DIPORTO NELL'ISONTINO

Gorizia, 11 novembre - Il settore della nautica da diporto e la sua filiera sono particolarmente dinamici per l'economia industriale e manifatturiera della provincia di Gorizia. Tra gli elementi che mettono in luce questa vocazione territoriale figura l'elevato numero degli avviamenti al lavoro nel comparto; per questo motivo la Regione Friuli Venezia Giulia, in base alle richieste avanzate dai portatori di interesse socioeconomici locali, sosterrà con i fondi dell'azione 2.2 del POR FESR alcuni interventi specifici nell'area della crisi diffusa dell'Isontino.

Sono questi alcuni dei principali elementi emersi quest'oggi a Gorizia nel corso dell'incontro del Tavolo di partenariato dell'area di crisi diffusa dell'Isontino, riunitosi alla presenza del vicepresidente della Regione e assessore alle Attività produttive Sergio Bolzonello. Oltre alla Regione erano presenti anche altri enti istituzionali, organizzazioni sindacali e associazioni datoriali. Scopo del Tavolo è quello di definire le iniziative a favore delle aree territoriali colpite da crisi diffusa nelle attività produttive, attraverso una serie di azioni pilota che puntano al rafforzamento della competitività delle imprese.

Come spiegato da Bolzonello, dalla riunione è emersa la volontà comune di investire sulle PMI dell'area secondo due direttrici: investimenti per il settore della nautica da diporto e misure orizzontali per le Piccole e Medie Imprese con le quali rafforzare le competenze strategiche, organizzative e finanziarie. "Siamo fiduciosi - ha detto Bolzonello - che l'avvio di una misura pilota basata su un'analisi precisa dei fabbisogni del territorio e sulla volontà condivisa delle rappresentanze dell'area possa produrre importanti risultati e accelerare i segnali di sviluppo che già si registrano in questa zona della regione".

La scelta di sostenere la nautica da diporto e le consulenze per le PMI, trovano riscontro nei dati elaborati dalla direzione centrale Lavoro della Regione all'interno dell'area isontina. Dalla loro lettura emergono importanti dinamiche, come ad esempio quella secondo cui i settori della cantieristica e delle imbarcazioni da diporto negli ultimi anni hanno dimostrato una forte crescita; a fronte di un incremento dei soli avviati al lavoro in tutto il Friuli Venezia Giulia tra il 2014 e il 2015 pari al 33,9 per cento, nel medesimo periodo in questo ambito produttivo gli avviati sono cresciuti del 107 per cento.

Tuttavia emerge anche che l'economia marittima necessita di adeguate Politiche attive del Lavoro e dello Sviluppo, capaci di accompagnare la ripresa. A ciò si aggiunge il fatto che le reti di impresa sono state in grado di approfittare della congiuntura economica favorevole per rafforzare l'export  in settori di nicchia.

Sulla base delle decisioni del Tavolo verrà ora predisposto il piano di rilancio per l'area che, successivamente, sarà sottoposto ad approvazione. Nei primi mesi del 2017 si procederà alla pubblicazione dei bandi, ai quali le imprese del territorio potranno accedere con apposita domanda.

ARC/AL/EP



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Migranti: Roberti, sconcerto parole Schiavone su cittadino pakistano

  • Vaccini: Riccardi, per Villa Manin allargata agenda con altre 240 dosi

  • Turismo: Bini, Tolmezzo capitale mondiale del motociclismo fuoristrada

  • Disturbi alimentari: Riccardi, dopo ambulatorio obiettivo centro cura

  • Ricerca: Rosolen, Iupap in Porto Vecchio conferma attrattività Trieste

  • Vaccini: Fedriga-Riccardi, ottime adesioni fascia 50-59

Torna su
TriestePrima è in caricamento