ECONOMIA: BOLZONELLO, REGIONE FVG CREA CONDIZIONI PER MANIFATTURA 4.0

Passariano di Codroipo (UD) - "Creare un territorio virtuoso per poter fare manifattura 4.0, quella di quarta generazione, è una delle sfide fondamentali per lo sviluppo del Friuli Venezia Giulia e la Regione ha iniziato in questi due anni a dare una serie di risposte per costruirne le condizioni: una per tutte è la legge regionale cosiddetta Rilancimpresa FVG, non uno strumento per calare a pioggia contributi, ma una legge che fornisce precise direttive di intervento in vari settori, legandosi agli obiettivi della Strategia di specializzazione intelligente (S3) e della programmazione europea".

Lo ha sottolineato il vicepresidente e assessore regionale alle Attività produttive Sergio Bolzonello a margine del confronto organizzato a Villa Manin nell'ambito del Progetto Nuova Manifattura promosso dalle Camere di Commercio di Udine e Pordenone, con la Regione e l'Università di Udine e il coordinamento scientifico dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) di Parigi per approfondire, con esperti, imprese e amministratori, come indirizzare e riconfigurare la sfida dell'industria nel prossimo futuro.

Ringraziando la Camera di Commercio di Udine con Friuli Future Forum e quella di Pordenone che "ormai da alcuni anni forniscono una serie di stimoli al territorio, prima con un'analisi che si è indirizzata all'ambito udinese e, da quest'anno, anche al pordenonese", Bolzonello ha ribadito quanto "oggi fare manifattura sia ancora centrale".

"Si tratta di una manifattura 4.0, quella di quarta generazione, che vira verso il digitale e che per poter stare sui mercati mondiali ha bisogno di nuove modalità di produrre e di una grande capacità di intercettare i sempre più rapidi cambiamenti mondiali", ha sottolineato Bolzonello. Ecco perché "la sfida dei decisori pubblici" - questo il tema della sessione pomeridiana dell'incontro coordinato dal project manager di Friuli Future Forum Renato Quaglia e dall'analista Debra Mountford - è quella di trovare nuovi elementi per accompagnare le proprie imprese in questo importante e vitale settore dell'economia.

"Una sfida che necessita di molti passi, uno su tutti che viene spesso sottovalutato è quello del coinvolgimento del sistema dei saperi, che nella nostra regione significa Università di Udine, Università di Trieste, SISSA e Parchi tecnologici. Un sistema che deve essere più performante e dare risposte e aiuto", spiega il vicepresidente. I decisori pubblici devono contribuire invece rafforzando il sistema delle infrastrutture, comprese quelle digitali, e in particolare la logistica. "In Friuli Venezia Giulia occorre sviluppare una logistica portuale molto più attrattiva rispetto a quella attuale e con una retro-portualità in grado di sostenere traffico di volumi molto più significativi", è l'analisi di Bolzonello.

Avviato circa un anno fa e coordinato a livello regionale dalla docente di Ca' Foscari Chiara Mio, Nuova Manifattura ha visto completarsi una prima fase di analisi del sistema manifatturiero delle due aree di Udine e Pordenone, tramite lo studio di dati economici e incontri con gli imprenditori e un contatto costante con gli analisti OCSE, che in più occasioni, con la senior analyst Mountford, sono venuti in Friuli Venezia Giulia per seguire il Progetto.

Nel corso della mattina è avvenuta la presentazione degli strumenti e delle azioni della Regione a favore del settore; nel pomeriggio si è tenuto invece il momento plenario di raccordo con i decisori pubblici, che poi si impegneranno direttamente a concretizzare la strategia di sviluppo.

Assieme a Bolzonello, sono intevenuti nella seconda sessione oltre ai presidenti delle due Camere di Commercio (Giovanni Da Pozzo e Giovanni Pavan) Chiara Mio, Debra Mountford e Renato Quaglia, a confronto con l'editorialista del Financial Times Peter Marsh (L'era della Nuova Manifattura: trarre vantaggio dalle opportunità), con il docente del Politecnico di Milano ed esperto di innovazione e start up Sergio Campodallorto (Ricerca e Innovazione per la Manifattura 4.0), l'esperto di strategie economiche e industriali dell'Aston Business School di Birmingham David Bailey (Le politiche di sviluppo industriale), l'amministratore delegato dell'Ente camerale di Glasgow Stuart Patrick (Il caso della Camera di Commercio di Glasgow: due riconversioni produttive di uno stesso territorio).

ARC/EP/RM



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Ristori: Bini, domani al via le liquidazioni a oltre 6mila richiedenti

  • Salute: Riccardi, primo confronto su Rar con sindacati medici

  • Ddl 130: Riccardi, riqualificare ex Weissenfels per garantire lavoro

  • Rifiuti: Scoccimarro, riparto da oltre 1 mln per Comuni con discariche

Torna su
TriestePrima è in caricamento