Economia: Zilli-Pizzimenti, attivare fiscalità vantaggio zona confine

Trieste, 2 lug - L'Amministrazione regionale si adopererà per rafforzare le relazioni istituzionali con il Governo centrale affinché vengano adottate misure di armonizzazione economica lungo la fascia confinaria italiana del Fvg.

Lo hanno dichiarato gli assessori regionali alle Finanze del Fvg, Barbara Zilli, e alle Infrastrutture e Territorio, Graziano Pizzimenti, oggi in Consiglio regionale affrontando la mozione dedicata all'attivazione di una zona logistica semplificata (Zls).

"Accogliamo con favore la proposta di attivare una zona logistica semplificata (Zls) manifestata da gran parte dei consiglieri regionali - ha rimarcato Zilli - con cui potremo continuare a difendere l'autonomia e la specialità della nostra Regione".

"In questo momento storico è necessario dare valore alle zone di confine - ha indicato Zilli -; la pandemia ha evidenziato le tante fragilità legate alla chiusura delle frontiere, un vulnus da superare attraverso misure di armonizzazione di carattere fiscale che devono partire in primis dall'Europa e a seguire dal Governo centrale. Questa fiscalità di vantaggio consentirebbe alle regioni di confine con caratteristiche similari per scambi commerciali, culturali e di vita comunitaria di evitare concorrenze sleali per favorire invece lo sviluppo di attività economiche in queste aree che ne uscirebbero rafforzate".

Sulla Zona logistica semplificata in Friuli Venezia Giulia Pizzimenti, anticipando che il tema sarà affrontato dalla Giunta nella riunione di domani, ha confermato l'impegno dell'amministrazione regionale verso "un istituto - ha detto - che mettendo in rete i porti, le aree retroportuali e gli interporti del territorio, garantirebbe una serie di agevolazioni per operatori e imprenditori sia di tipo fiscale che infrastrutturale, generando nuovo impulso produttivo per l'intera regione".

"Non è un iter facile, né immediato - ha aggiunto - ma la Giunta ha già iniziato a lavorare con l'obiettivo di individuare il perimetro della futura Zls e soprattutto definire attività e tipologie di intervento da sviluppare al suo interno, approfondendo opportunità e possibilità di sviluppo attraverso un percorso condiviso e partecipato che coinvolga tutti i soggetti portatori di interesse: Autorità portuale di Sistema, enti pubblici e amministrazioni locali e mondo imprenditoriale".

Nel condividere le ragioni sottese alla mozione, gli esponenti della Giunta Fedriga hanno rimarcato la necessità di aprire ad una nuova stagione per cogliere le varie opportunità finalizzate al rilancio economico del territorio. La mozione ha previsto anche la necessità di redigere il piano di sviluppo strategico per la Zls, documento necessario per la formulazione della proposta regionale al Governo. ARC/LP/CCA/gg
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Prot. civile: Riccardi, orgogliosi per aiuto comunità Castelsantangelo

  • Ambiente: Scoccimarro, lavoriamo per una regione sempre più verde

  • Montagna: Zilli, proposte sostenibili del territorio per rilancio

  • Salute: Riccardi, funzioni Usca siano costanti in residenze anziani

  • Lavoro: Rosolen, da Governo misure più efficaci contro sfruttamento

  • Sport: Gibelli, intesa con Coni su sanificazione palestre scolastiche

Torna su
TriestePrima è in caricamento