Edilizia agevolata: Pizzimenti, quadruplicate domande II semestre 2019

Trieste, 1 feb - Nel secondo semestre 2019 il numero delle domande di contributo regionale di edilizia agevolata è più che quadruplicato rispetto al primo semestre, salendo da 615 a 2600 e portando il totale annuo per il 2019 a 3216 richieste.

"Sono numeri lusinghieri - ha commentato l'assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio Graziano Pizzimenti -. Le modifiche che abbiamo apportato alla normativa regionale evidentemente hanno colto nel segno".

La riforma ha reintrodotto la possibilità per i cittadini del Friuli Venezia Giulia di acquistare un immobile da adibire a prima abitazione senza dover eseguire necessariamente lavori edili. In sostanza, a partire dal 4 luglio 2019 i cittadini che erano residenti in Friuli Venezia Giulia da almeno 5 anni (negli 8 anni precedenti) hanno potuto chiedere il contributo anche per il solo acquisto o per la nuova costruzione.

Le domande presentate a Banca Mediocredito FVG erano state 1115 nel 2017 e 1271 nel 2018 prima di salire a 3216 nel corso del 2019.

"Il fatto che il contributo regionale anche per il solo acquisto, nonché per la nuova costruzione, abbia incontrato il favore di moltissime giovani famiglie del Friuli Venezia Giulia - ha osservato Pizzimenti - dà un segnale importante". "I numeri disegnano uno scenario fino a pochi mesi fa impensabile - questa la valutazione del presidente regionale della Fiaip Leonardo Piccoli -. In questa regione la voglia di casa è tornata al centro degli interessi collettivi e in particolare delle giovani coppie e questo "sentiment" ci induce a guardare positivamente l'intero comparto". ARC/Com/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Coronavirus: Fedriga, negozi chiusi a Pasquetta e protezioni su Tpl

  • Coronavirus: Bini-Rosolen, protocollo regionale per riavvio attività

  • Coronavirus: Riccardi, Aziende dentro case di riposo scelta condivisa

  • Coronavirus: Riccardi, ok a più integrazione Asp/Aziende sanitarie

  • Coronavirus: Rosolen, cassa in deroga, eliminata l'imposta di bollo

Torna su
TriestePrima è in caricamento