rotate-mobile
Notizie dalla giunta

Edilizia: dalla Regione 12 milioni per il Fondo sociale Ater



Pordenone, 5 set - Le Ater del Friuli Venezia Giulia potranno contare su complessivi 12 milioni di euro destinati a implementare il Fondo sociale per l'esercizio del 2022. Con una delibera, proposta dall'assessore regionale alle Infrastrutture e territorio, la Giunta ha stabilito la ripartizione delle risorse annualmente destinate al Fondo sociale delle singole Aziende territoriali per l'edilizia residenziale. Le risorse economiche sono state ripartite sulla base di una proposta presentata dalle stesse Aziende territoriali che viene adottata annualmente in sede di Conferenza del sistema regionale delle Ater e che tiene conto anche dei canoni corrisposti nell'anno precedente dagli assegnatari economicamente più deboli.

Sulle base delle indicazioni della proposta e del fabbisogno delle singole Ater lo stanziamento allocato quest'anno dall'Amministrazione regionale è di complessivi 12 milioni di euro. L'importo destinato al Fondo sociale dell'Azienda di Gorizia è pari 1.658.400 euro. All'Ater di Pordenone la somma destinata è di 1.756.800 euro. L'importo di 5.277.600 riguarda in Fondo Ater di Trieste. Mentre per quanto riguarda la cifra assegnata a Udine è di 3.307.200 euro.

La Giunta regionale, come ha spiegato in fase di approvazione del documento l'assessore alle Infrastrutture, annualmente ripartisce le risorse che implementano il Fondo sociale che ha ruolo di compensare le minori entrate nei canoni di locazione e nelle quote per i servizi accessori pagati dalle famiglie degli alloggi di edilizia sovvenzionata che si trovano in situazione di difficoltà economica. Questo al fine di assicurare la tutela delle fasce più deboli di utenti residenti negli alloggi dell'edilizia sovvenzionata.

I finanziamenti sono anche utilizzati per interventi di manutenzione degli immobili gestiti da ciascuna delle quattro Aziende nei territori.

Nella delibera approvata dall'Esecutivo regionale, in relazione ai progetti finanziati dal Fondo complementare al Pnrr nell'ambito del programma "Sicuro, verde, sociale", si evidenzia alle stesse Ater la possibilità di utilizzo delle risorse assegnate al Fondo sociale anche per fare fronte a eventuali aumenti di spesa rispetto ai maggiori costi delle materie prime da costruzione, dei carburanti e delle fonti di energia per la realizzazione di tali interventi al fine di poter rispettare i termini previsti dal decreto ministeriale in materia dello scorso 15 luglio. ARC/LIS/gg



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edilizia: dalla Regione 12 milioni per il Fondo sociale Ater

TriestePrima è in caricamento