ELETTRODOTTI: VITO, CONFRONTO SU TRACCIATO UD OVEST-REDIPUGLIA

Trieste, 15 novembre - L'assessore regionale all'Ambiente e all'Energia del Friuli Venezia Giulia Sara Vito ha convocato, oggi a Trieste, i presidenti di Provincia e i sindaci dei Comuni coinvolti nel procedimento per la realizzazione dell'Elettrodotto a 380 kV Udine Ovest-Redipuglia.

Hanno risposto all'appello Francesco Martines (Palmanova), Roberto Fedele (Trivignano Udinese), Gabriele Zanin (San Vito al Torre), Alberto Comand (Mortegliano), Geremia Gomboso (Lestizza) e Claudio Deffendi (Villesse).

Si è trattato, come ha spiegato Vito, di un passaggio formale finalizzato a sentire i sindaci nell'ambito di quella parte procedurale regolata dalla normativa regionale per il rilascio dell'intesa sull'opera.

Uno step  che ha fatto seguito alla Conferenza dei Servizi tenutasi al Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) lo scorso 18 ottobre, nel corso della quale era emersa "una posizione prevalentemente favorevole al Progetto in esame".

L'assessore Vito ha sottolineato che l'Amministrazione si è mossa all'interno dei binari procedurali fissati dallo Stato su un iter  già incardinato ed ereditato dalle precedenti legislature regionali.

"Lo spirito che ci anima nel confronto con gli Enti locali - ha spiegato Vito - è quello ispirato a una leale collaborazione. Infatti, a seguito della richiesta formulata dai Comuni di Basiliano e di Pavia di Udine per un rinvio dell'odierna seduta, è stato deciso di concedere una settimana per l'invio del loro parere".

Della necessità che Terna S.p.A. mantenga gli impegni in ordine alle demolizioni delle vecchie linee da dismettere ha parlato il sindaco di Palmanova Martines il quale, valutando positivamente l'odierna occasione di confronto, ha anche puntualizzato che l'attuale situazione, che vede l'espressione contraria del suo Comune, trova origine in determinate scelte compiute dall'Amministrazione regionale nel 2011 nell'ambito della procedura di Valutazione Integrata Ambientale (VIA). Non contraria al progetto invece, come ribadito dallo stesso sindaco Deffendi, l'Amministrazione municipale di Villesse.

"Un'infrastruttura di queste dimensioni e di questa valenza strategica - ha detto ancora l'assessore Vito - non può rimanere incompiuta e, come è noto, allo stato attuale dell'iter, che segue la sentenza del Consiglio di Stato del 2015 e che è di rideterminazione della VIA, non possono essere prese in esame eventuali alternative progettuali".

Il successivo passaggio procedurale prevede una delibera della Giunta regionale che dovrà essere prodotta entro 90 giorni decorrenti dal 19 ottobre scorso.

ARC/GG/fc
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Finanze: Zilli, investimento Friulia in Bic è strategico e crea volano

  • Friulano: Roberti, pressing su Governo per più friulano in Rai

  • Banda ultralarga: Fedriga, soddisfazione per completamento rete Fttx

  • Enti locali: Roberti, condividere iter di riforma tributi immobiliari

  • Attività produttive: Bini, 1 mln a Pmi per investimenti tecnologici

  • Vaccini: Fedriga-Riccardi, da domani prenotazioni anche via web

Torna su
TriestePrima è in caricamento