ENTI LOCALI: CINQUE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE ALLE FUSIONI

Udine, 16 set - "Sono molto soddisfatto di aver letto la dichiarazione dei quattro sindaci, perché al di là del loro giudizio negativo sulle Unioni Territoriali Intercomunali (UTI), di fatto fanno un percorso di fusione e ciò quindi dimostra che il processo che abbiamo avviato con la Riforma ha degli effetti positivi. Hanno scelto di non comunicarlo ufficialmente alla Regione ma di farlo alla stampa, ma questo non importa, conta la sostanza. Avranno quindi il nostro appoggio e sostegno".

Lo ha dichiarato l'assessore regionale alle Autonomie locali Paolo Panontin commentando le posizioni di alcuni sindaci in merito al programma di Riforma e comunicando quali sono le manifestazioni di interesse relative al primo programma delle fusioni pervenute e il cui termine scadeva proprio ieri.

Si tratta dei Comuni di Ligosullo e Treppo Carnico (fusione fra i due Comuni); Villa Santina, Lauco, Raveo (fusione fra questi Comuni e anche Enemonzo); Savogna propone l'avvio di un percorso di fusione dei Comuni della Valle del Natisone (oltre Savogna, Drenchia, Grimacco, Stregna, Pulfero, San Pietro al Natisone, San Leonardo); Cimolais propone l'avvio di un percorso di fusione dei Comuni della Valcellina (Cimolais, Andreis, Barcis, Claut, Erto e Casso); Sgonico e Monrupino si sono dichiarati "disponibili a collaborare" con la Regione, con una serie di riserve.

ARC/EP



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Riaperture: Fedriga, da Regioni ok a linee guida

  • Pnrr: Rosolen, così cambiano scuola, formazione e lavoro post Covid

  • Lavoro: Rosolen, domicilio fiscale per modulare incentivi assunzioni

  • Turismo: Fedriga, da Regioni criteri riparto 700 mln a Comuni aree sci

  • Ferriera: Scoccimarro, da chiusura area a caldo due terzi PM10 in meno

Torna su
TriestePrima è in caricamento