Notizie dalla giunta

Eventi: Regione, istruzione e pace grande forza Collegio Mondo Unito

Medea, 21 set - Sono forti i valori del movimento internazionale Uwc: l'istruzione è una forza per unire i popoli, le nazioni e le culture, perseguendo la pace e un futuro sostenibile. Per costruire e dare continuità a una realtà importante come il Collegio del Mondo Unito dell'Adriatico è risultata fondamentale la collaborazione nel tempo fra le istituzioni di un territorio che si è dimostrato pronto e orgoglioso di accogliere queste ragazze e questi ragazzi. Questo il concetto espresso dall'assessore al Lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia che questa mattina ha partecipato all'Ara Pacis Mundi di Medea alla cerimonia per i 40 anni del Collegio del Mondo Unito dell'Adriatico. Nel portare i saluti del governatore del Friuli Venezia Giulia, l'esponente della Giunta ha ricordato le due scelte strategiche compiute nel tempo dalla Regione: essere luogo di collaborazioni, di accoglienza e di incontro fra culture molto diverse e aver saputo investire sulla scienza. Andando alle origini Collegio, l'assessore ha espresso un ringraziamento a chi, dopo il terremoto del 1976 che colpì duramente il Friuli Venezia Giulia, si impegnò anche da un punto di vista legislativo per avviare la nascita di questa istituzione. Un grazie - ha aggiunto - va rivolto anche a chi quotidianamente segue la vita del collegio e a tutti coloro che giorno dopo giorno garantiscono, nonostante le recenti difficoltà, la continuità didattica e la permanenza dei 180 studenti provenienti da ogni parte del mondo che, pur restando fieri della propria identità, una volta terminato questo percorso, diventano i migliori ambasciatori di questo territorio. Per la Regione il Collegio trasmette speranza, fin dal 1982 anno della sua istituzione. Nasceva 40 anni fa una scuola internazionale cui veniva affidato il compito di promuovere i valori della cooperazione, della solidarietà e della pace attraverso l'istruzione. Secondo l'assessore è proprio pace la parola chiave di questo 40esimo anniversario. A lungo abbiamo pensato che la pace fosse una condizione ordinaria, scontata - ha sottolineato -. La guerra scoppiata ormai 7 mesi fa ha costretto a rivedere molte convinzioni e, dopo l'esperienza del Covid, ha generato nuove preoccupazioni e incertezze. I conflitti portano infatti dolore e morte ma anche speculazioni con ricadute a livello mondiale. Per l'esponente dell'Esecutivo regionale questi eventi fanno comprendere quanto un istituto come il Collegio del Mondo Unito costituisca un modello prezioso e importante affinché i giovani crescano con la consapevolezza di quanto la pace sia un valore fondamentale e necessario. ARC/RT/gg

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eventi: Regione, istruzione e pace grande forza Collegio Mondo Unito
TriestePrima è in caricamento