Femminicidio in FVG: Serracchiani, l'orrore non si ferma

Trieste, 1 agosto - "L'orrore non si ferma e le donne continuano a essere vittime di una violenza che non ha spiegazione, e che soprattutto non ha giustificazione". Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, esprimendo "dolore e sconcerto" per l'uccisione di una giovane ventunenne, apparentemente ad opera del fidanzato il quale si è presentato alla caserma della Polstrada di Palmanova con il corpo della vittima a bordo della propria automobile.


Per Serracchiani "le donne che rimangono vittime di persone con cui hanno legami affettivi sono ancora un numero troppo elevato, e rappresentano il punto più drammaticamente visibile di una mentalità che ancora si fatica a modificare".

"In Friuli Venezia Giulia - ha aggiunto la presidente - un'apposita legge finanzia i progetti antiviolenza, sono state prese iniziative come le Stanze rosa nei Pronto soccorso e si fanno interventi a favore di donne che hanno bisogno di protezione e sostegno per uscire da situazioni di violenza. Occorre però che la consapevolezza del problema diventi più capillare a livello di opinione pubblica e - ha concluso - non se parli solo quando esplode un caso che ha risonanza mediatica". ARC/PPD/com

 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Patrimonio: Callari, immobili Regione supporteranno Gorizia 2025

  • Covid: Fedriga, ordinanza ultimo sforzo Fvg. Governo vaccini come GB

  • Casa: Fedriga, ordinanza Tribunale Udine discrimina cittadini italiani

  • Porto vecchio: Fedriga, accordo fondamentale per attrarre investimenti

  • Cultura: Gibelli, "Udine Design Week" stimola innovazione e ripresa

Torna su
TriestePrima è in caricamento