Ferriera: Scoccimarro, miglioramenti sì ma non per i cittadini

Trieste, 3 ott - "C'è differenza tra l'affermare 'non inquina' e dire 'ci sono dei miglioramenti' che, per onestà intellettuale, mi sento di confermare come, d'altronde, ho ribadito vadano riconosciuti gli investimenti della società in questo senso".

Lo afferma l'assessore all'Ambiente del Friuli Venezia Giulia, Fabio Scoccimarro, sottolineando quanto "ciò non tolga che quello di Servola, come altri stabilimenti in regione, siano fortemente impattanti sull'ambiente circostante e, soprattutto, va riconosciuto il diritto dei cittadini alla salute".

"L'obiettivo del Centrodestra triestino e regionale in merito è noto ormai da anni - aggiunge Scoccimarro - ma la differenza ora sta nell'allineamento Stato-Regione-Comune".

"Rispetto agli anni precedenti - evidenzia l'assessore - ai miei uffici sono state date linee guida precise: non concedere più proroghe di alcun tipo, predisporre tavoli interni per aggiornare i valori obiettivo di benzene e polveri dell'Aia perché quelli attuali, seppur entro i limiti, chiaramente non corrispondono a un miglioramento reale della vita dei cittadini che - rileva ancora Scoccimarro - ogni giorno continuano a inviarmi video della raccolta polveri sulle loro terrazze".

"Sono inoltre state introdotte - spiega l'esponente della Giunta Fedriga - nuove prescrizioni Aia per evitare gli spolveramenti dopo 2 anni di lassismo e abbiamo recentemente rinnovato la collaborazione con l'Università di Trieste, in particolare per introdurre nuove misure contro le molestie olfattive e per limitare l'impatto acustico".

"Come preannunciato - conclude Scoccimarro - stiamo predisponendo i tavoli di confronto con tutti i portatori d'interesse al fine di trovare la soluzione migliore per la salute dei cittadini e per non lasciare in mezzo a una strada gli operai".

ARC/COM/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Riccardi, da Cividale parte modello massivo per vaccinazioni

  • Carburanti: Scoccimarro, Covid ha stravolto consumi, legge da rivedere

  • Covid: Bini, ristori anche a chi realizza corsi sportivi e ricreativi

  • Sport: Gibelli a Fipav, essenziali per benessere ragazzi e famiglie

  • Attività produttive: Bini, nuovo servizio completa attrattività area

Torna su
TriestePrima è in caricamento