Finanze: Zilli, approvato bilancio consolidato 2018 della Regione

Pordenone, 13 set - La Giunta Fedriga, su proposta dell'assessore alle Finanze, Barbara Zilli, ha approvato il Bilancio Consolidato della Regione per il 2018 che si chiude con un risultato economico di esercizio pari a 25.778.601 euro.

In merito, Zilli ha evidenziato come si tratti "di un documento importante che non si limita a tratteggiare in modo chiaro e partecipato il bilancio dell'Amministrazione, ovvero la risultanza delle sue entrate e uscite, ma contempla anche i dati finanziari delle realtà partecipate. Un quadro dal quale emerge la solidità delle Regione e l'oculata gestione delle sue risorse".

Il bilancio consolidato è costituito dallo stato patrimoniale, dal conto economico, dalla relazione e dalla nota integrativa della Regione e fornisce l'esatta rappresentazione dello stato dell'Amministrazione e delle sue controllate, fatta eccezione per le realtà direttamente partecipate da Banca Mediocredito, in quanto emittente di strumenti finanziari quotati in mercati regolamentati, e per le società indirettamente partecipate nelle quali sono presenti soci privati.

L'assessore ha spiegato che "in linea con quanto fatto lo scorso anno, abbiamo infatti previsto l'inserimento nel documento contabile di un numero di enti e società partecipati più ampio rispetto a quanto previsto dalla legislazione nazionale. La nostra Regione deve infatti essere una casa di vetro della quale i cittadini devono poter conoscere tutti gli aspetti, in particolare per quanto riguarda le spese e gli investimenti effettuati con denaro pubblico". ARC/MA/fc



Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Turismo: Bini, gestione impianti sciistici Sappada a PromoTurismoFvg

  • Turismo: Bini, Venezia delle Nevi completa offerta ciclopedonali Fvg

  • Turismo: Bini, guida di Repubblica è strumento di promozione del Fvg

  • Salute: Riccardi, no al mercato del sangue e difendiamo il dono

  • Scuola: Rosolen, Fvg da maglia nera a battistrada in meno di due anni

Torna su
TriestePrima è in caricamento