Fine anno: Gibelli, da cultura e sport più ricadute sul territorio

Trieste, 28 dic - Porre le basi ad un nuovo sistema di gestione del comparto culturale e sportivo, improntato sulle competenze, più attento agli sport minori e all'impatto delle iniziative sul territorio.

Questa in sintesi la visione dell'assessore alla Cultura e sport, Tiziana Gibelli, sull'attività svolta nei primi sei mesi di mandato e sugli obiettivi futuri.

Si è partiti dai musei con una revisione dei criteri di accreditamento in raccordo con la Soprintendenza e con il riconoscimento dei musei privati (tra cui il Gortani di Tolmezzo, il museo diocesano e le Gallerie del Tiepolo di Udine, l'Archivio Comunità Ebraica di Trieste). Oltre alla revisione della governance del museo carnico sono stati ricostituiti gli organismi dirigenziali dell'Ente regionale teatrale (Ert) e del Centro ricerca archiviazione fotografica (CRAF).

In tema di patrimonio culturale, sono stati definiti criteri tassativi e preliminari per le richieste di contributo finalizzate al recupero e restauro di beni culturali al fine di ottimizzare le risorse disponibili. Sono inoltre state avviate importanti collaborazioni con le Camere di commercio e le Fondazioni bancarie per promuovere i musei locali e le collezioni d'arte del territorio (ne è un esempio la prima mostra ospitata nel palazzo della Regione a Trieste con l'esposizione del dipinto di Luini visibile fino al 6 gennaio). Recentemente, con le Intese per lo sviluppo sono stati destinati oltre 40 milioni di euro nel triennio 2019-2021 a recupero e restauro di beni culturali e alla manutenzione straordinaria di impianti sportivi.

Quanto allo sport, in condivisione con il Coni regionale, è stata avviata una nuova programmazione pluriennale per la realizzazione degli impianti sportivi e si è deciso di spostare nel prossimo triennio il 10% delle risorse per le associazioni sportive dilettantistiche, dagli sport maggiori agli sport cosiddetti minori e paralimpici.

Nel finanziare i bandi Cultura e Sport saranno premiate la collaborazione tra più Comuni dello stesso territorio, per favorire eventi di maggiore impatto e attrattività, e la tematicità annuale per accrescere le opportunità di ricerca di sponsor (il 2019 sarà l'anno di Leonardo e dei 2200 anni dalla fondazione di Aquileia).

Il 2019 dell'assessore Gibelli porterà in dote l'iniziativa "Domeniche al museo" con ingressi gratuiti da domenica 13 gennaio a domenica 24 febbraio, in collaborazione con le Camere di Commercio, e un piano di valorizzazione di tutti i luoghi d'arte della regione, con una segnaletica specifica, realizzata in collaborazione con la direzione Attività produttive. Tra le altre azioni in programma: l'implementazione della FVGcard verso una carta dei musei con maggiori fruizioni culturali, l'avvio di un festival dei teatri in autunno, il sostegno alla candidatura transfrontaliera del Collio a patrimonio dell'umanità, una legge regionale per i siti Unesco (con una dotazione di 1,2 milioni nel triennio), il sostegno alla candidatura di Gorizia-Nova Gorica a capitale europea della cultura (200mila euro), la gestione del cluster cultura e creatività (450mila euro sul triennio); i progetti Italia-Slovenia (900mila euro) e il bando POR-FESR (2 milioni di euro) per imprese e start up culturali e creative.

In tema di sport la kermesse "Il futuro del nostro sport", in programma a primavera, sarà l'occasione per fare il punto sullo sviluppo dell'impiantistica sportiva regionale. ARC/SSA/ppd



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Salute: Riccardi, dal 2 marzo riparte ortopedia a San Daniele

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

  • Lavoro: Rosolen, via a selezioni per corsi mirati per il turismo

Torna su
TriestePrima è in caricamento