Notizie dalla giunta

Fondi Ue: Zilli, proseguire ottimo lavoro nell'utilizzo delle risorse

L'assessore: Regione prima in Italia grazie all'impegno di tutti e alla collaborazione del partenariato

Pordenone, 4 set - "Desidero sottolineare anche oggi il risultato, comunicato dal ministero dell'Economia e delle Finanze, che vede il Friuli Venezia Giulia al primo posto tra le Regioni italiane per la capacità di spesa nella programmazione dei fondi europei legati al Por Fesr 2014-2020 perché proprio la collaborazione è fondamentale per questo successo".

È quanto affermato dall'assessore regionale alle Finanze, Barbara Zilli, in occasione dell'incontro di Partenariato, il primo dopo la pausa estiva, convocato per illustrare alcuni importanti progetti che il nuovo Programma Fesr 2021-2027 individua come proprio target e sostiene in quanto decisivi per lo sviluppo del sistema-regione da qui ai prossimi anni.

"I risultati fin qui ottenuti - ha sottolineato l'assessore - confermano ciò che più volte abbiamo sostenuto nel grande lavoro di squadra che viene portato avanti: abbiamo messo a fattor comune una forte ed efficace collaborazione e un partneriato qualitativo con gli enti locali e con l'intero sistema regionale delle imprese che ci consente di raggiungere ottimi risultati nell'utilizzo delle risorse messe a disposizione dai Programmi Ue".

Per il programma 2014-2020 la Regione è infatti riuscita a programmare efficacemente tutti gli oltre 230 milioni di euro di risorse Por, a impegnarne in investimenti sul territorio circa 270 e a pagarne ai beneficiari circa 251 milioni. Per il nuovo piano 2021-2027, la Regione ha già messo a disposizione 110 milioni a favore del sistema produttivo.

"Si tratta ora - ha proseguito l'esponente della Giunta regionale - di proseguire il lavoro di grande qualità che si sta facendo e per il quale ringrazio tutti gli attori e i partecipanti al tavolo del partenariato. Un lavoro che rinsalda i legami con la comunità e con il territorio per accrescere la competitività della nostra regione, in favore della quale operiamo con la costante attenzione a garantire procedure veloci e regole snelle e semplificate salvaguardando così la qualità degli investimenti".

"Anche i nuovi progetti legati alle annualità 2021-27 - ha evidenziato Zilli - nascono dall'ascolto e dalla condivisione con i territori e si attueranno principalmente, con un occhio particolare all'innovazione e alla sostenibilità sociale e ambientale, nell'ambito delle strategie territoriali delle aree urbane e delle aree montane interne delle regione".

Tra le procedure previste dal Programma 2021-27 illustrate nell'incontro di oggi sono previsti, in particolare, alcuni progetti pilota di digitalizzazione destinati ai Comuni montani serviti da acquedotti rurali di piccole dimensioni. Previsti interventi di efficientamento energetico e ammodernamento in chiave green di edifici pubblici in aree interne. Ricompreso anche un intervento di ristrutturazione e adeguamento della rete di drenaggio urbano della città di Trieste per mitigare il rischio idraulico dovuto ai cambiamenti climatici.

Altri importanti investimenti riguardano l'estensione delle piste ciclabili di valenza regionale e il miglioramento della connettività wi-fi nella rete ciclabile delle aree interne, in particolare con nuove tratte che considerino percorso casa-scuola e casa-lavoro. Previsto, inoltre, il miglioramento del trasporto pubblico locale attraverso il rinnovo della flotta con nuovi bus elettrici e la dotazione di centri di interscambio modale regionale e transfrontaliero, in particolare rispetto all'evento Go 2025!. In programma anche interventi di copertura wi-fi, per finalità di soccorso-sicurezza, della rete di sentieri montani che hanno una valenza turistica importante. Infine, altri progetti riguardano iniziativa di valorizzazione delle aree naturali protette e dei siti Natura 2000. ARC/LIS/ma



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondi Ue: Zilli, proseguire ottimo lavoro nell'utilizzo delle risorse
TriestePrima è in caricamento