FONDO SOCIALE EUROPEO: PANARITI, OBIETTIVO È DARE RISPOSTE RAPIDE

Trieste, 18 feb - Si è riunito oggi nel Palazzo della Regione Friuli Venezia Giulia, in piazza Unità d'Italia a Trieste, il Tavolo regionale di Concertazione che ha affrontato la Pianificazione Periodica delle Operazioni (PPO) relativa al Fondo Sociale Europeo (FSE) per l'anno 2016.

"Per la Programmazione 2014-2020, il Friuli Venezia Giulia ha una dotazione di 276,4 milioni di euro - ha illustrato l'assessore regionale al Lavoro e alla Formazione Loredana Panariti - e allo stato attuale sono state attivate 32 procedure di evidenza pubblica per un totale di 94 milioni di euro, pari al 34 per cento dell'ammontare complessivo".

Le misure che la Regione ha predisposto si raggruppano in alcune aree di intervento che vanno dall'Occupazione all'inclusione sociale e lotta alla povertà, dall'Istruzione e Formazione all'Efficienza amministrativa e istituzionale. Dal Tavolo di oggi sono emerse alcune osservazioni e altre potranno essere inoltrate nei prossimi giorni in modo da avere un documento finale condiviso.

"L'obiettivo è quello di procedere in maniera spedita per attivare mensilmente le procedure e dare risposte rapide alle esigenze forti che emergono dal territorio" ha spiegato Panariti. "Un percorso che guarda a quanto già fatto di positivo in regione e che mira, attraverso il coinvolgimento delle imprese, dei Centri per l'Impiego, dei Centri di Orientamento e del privato sociale, a intercettare i bisogni evitando sovrapposizioni ma creando una relazione tra le misure già in campo a livello regionale e quelle applicabili con il FSE".

Il Tavolo di Concertazione ha inoltre approvato l'intesa relativa alla concessione degli ammortizzatori in deroga per il 2015. Un documento che recepisce quanto stabilito dal Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) che ha concesso un ulteriore 5 per cento di risorse per completare l'assegnazione per l'anno passato. Risorse che, è stabilito nel documento, saranno concesse a favore dei lavoratori del Consorzio di Sviluppo industriale della zona Aussa Corno per il periodo che va dalla messa in liquidazione, datata 13 novembre, fino alla fine del 2015.

ARC/RU/EP



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Patrimonio: Callari, immobili Regione supporteranno Gorizia 2025

  • Autonomie locali: Roberti a Governo, urgente sblocco concorsi

  • Salute: Riccardi, potenziare servizi autismo è atto di normalità

  • Università: Rosolen, circa 450mila euro per studenti in affitto 2020

  • Salute: Riccardi, con odontoiatria a Monfalcone più risposte

Torna su
TriestePrima è in caricamento