Friulia: Bolzonello, importante cambio da holding a finanziaria

Trieste, 27 novembre - "La trasformazione di Friulia da holding a finanziaria regionale è importantissima per il tessuto produttivo del Friuli Venezia Giulia. Si tratta, infatti, di un ritorno alle origini che la manterrà vicina alle nostre aziende permettendole, al contempo, di offrire nuovi prodotti legati alla piccola e media impresa".

Lo ha dichiarato il vicepresidente del Friuli Venezia Giulia, Sergio Bolzonello, a margine della cerimonia organizzata per celebrare i 50 anni di fondazione di Friulia, alla quale hanno partecipato anche la presidente della Regione, Debora Serracchiani, e il presidente del Consiglio regionale, Franco Iacop.

Attualmente l'impegno di Friulia verso il territorio è consistente: al 30 giugno 2017 il capitale investito ammonta a 165 milioni di euro con 95 aziende partecipate in portafoglio, il cui fatturato aggregato è pari a circa 2 miliardi di euro e oltre 11 mila dipendenti, equivalenti a circa il 6,7 per cento del fatturato e a circa il 6,1 per cento dei dipendenti delle società di capitali con sede in Friuli Venezia Giulia. Gli investimenti complessivi nel quadriennio 2014-17 sono stati pari a 62 milioni di euro in 40 aziende, in gran parte verso le pmi e nell'ultimo quadriennio sono stati deliberati 88 milioni di euro di investimenti per le aziende locali.

Nel corso dell'incontro è stata evidenziata la volontà di rafforzare le sinergie tra Friulia e le altre società pubbliche del Friuli Venezia Giulia. In merito, Bolzonello ha spiegato che "è fondamentale avere un'unica regia e mettere a sistema tutte le risorse economiche e intellettuali a nostra disposizione per dare risposte concrete alle necessità delle nostre aziende. È un momento di grande trasformazione e anche grazie alle scelte effettuate, che stanno dando buoni frutti, l'economia e il lavoro sono ripartiti, quindi da un lato dobbiamo consolidare i risultati ottenuti e dall'altro sviluppare nuove visioni".

Il vicepresidente ha chiarito che quello in corso è "un grande cambiamento che dispiegherà le ali il prossimo anno e renderà necessario mettere a sistema alcune partecipate come Finest, alla quale il cambio della legge istitutiva potrebbe dare ulteriori possibilità d'azione, il sistema dei Confidi e delle garanzie e il Frie. Siamo quindi orgogliosi che si continui lungo questa strada, che ha portato ottimi risultati per la nostra regione e le sue aziende". ARC/MA/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Casa: Fedriga, ordinanza Tribunale Udine discrimina cittadini italiani

  • Covid: Bini, da 18/3 ristori da 500 a 10mila euro ad attività in crisi

  • Sicurezza: Roberti, necessario far luce su contatti passeur-terroristi

  • Vaccini: Fedriga, certezze su dosi e tempi

  • Infrastrutture: Pizzimenti, 1,8 mln per banda larga nelle Pa

Torna su
TriestePrima è in caricamento