Fvg-Slo: Riccardi, dialogo e rispetto sono leve per futuro di pace



Trieste, 13 lug - "Muto testimone degli eventi che hanno insanguinato il Secolo breve, il Narodni Dom è al tempo stesso simbolo di morte e di rinascita non solo per una comunità, quella slovena, costretta a lunghi anni di sofferenze, ma per un'intera città, Trieste, le cui fortune sono figlie di quel lascito imperiale che oggi chiamiamo cosmopolitismo.

Lo ha sottolineato il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, intervenendo stamane alle celebrazioni del 99° anniversario dell'incendio del Narodni Dom a Trieste.

Riccardi ha dunque posto l'accento sull'importanza del dialogo, del rispetto e della collaborazione quali veicoli di riconoscimento delle comunità storicamente radicate sul territorio, "che rappresentano - secondo il vicegovernatore - elemento di ricchezza per una società che ambisce a migliorarsi facendo leva sulla natura composita che la contraddistingue".

"L'impegno dell'Amministrazione regionale - ha quindi concluso Riccardi - è rivolto alla costruzione di un futuro di pace, attraverso il consolidamento delle virtuose relazioni che animano gli scambi tra il Friuli Venezia Giulia e la Repubblica di Slovenia, a iniziare proprio dalla tutela delle reciproche minoranze etniche e linguistiche." ARC/DFD/ep



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Salute: Riccardi, dal 2 marzo riparte ortopedia a San Daniele

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Lavoro: Rosolen, via a selezioni per corsi mirati per il turismo

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

Torna su
TriestePrima è in caricamento