Giunta Fvg: le principali decisioni assunte il 24/8

Tolmezzo (Ud), 24 ago - La Regione finanzia con 830.000 euro il miglioramento della sicurezza urbana e territoriale in 24 Comuni attraverso il potenziamento dei sistemi di video sorveglianza e delle dotazioni della polizia locale.

La delibera è tra le principali decisioni assunte oggi dalla Giunta regionale e dà seguito alla norma introdotta nell'assestamento di luglio, consentendo in via straordinaria il riequilibrio degli interventi sulla sicurezza per il 2018.

Un'ulteriore svolta riguarda la destinazione dei fondi che in passato sono stati utilizzati per l'accoglienza diffusa e che adesso serviranno per avviare progetti che salvaguardino i lavoratori, indipendentemente dalla loro nazionalità, da possibili incidenti sul posto di lavoro: con una delibera approvata oggi, infatti, i fondi del Fondo asilo, migrazione e integrazione (Fami) 2014-2020 messi a disposizione del ministero dell'Interno per realizzare le attività di formazione civico linguistica verranno utilizzati per un progetto innovativo.

Si tratta di un protocollo sperimentale tra Regione, Comune di Monfalcone, il Centro provinciale per l'istruzione degli adulti (Cpia) di Gorizia e Fincantieri, per la realizzazione in loco - a cura del Cpia - di corsi di formazione per la sicurezza sul lavoro destinati alle maestranze straniere di recente arrivo.

La prospettiva è quella di unire i fondi ministeriali a quelli regionali per superare i vincoli sulla presenza di stranieri e attuare azioni di prevenzione degli infortuni e di promozione della sicurezza sul lavoro anche ai dipendenti italiani che ogni giorno operano nei cantieri navali monfalconesi.

Sempre in tema di sicurezza sul lavoro la Regione si sta facendo promotrice di un'intesa inter istituzionale che diventi risposta concreta ad una situazione che ha visto anche recentemente incidenti sul lavoro, talvolta mortali, alzare la soglia di allarme in Friuli Venezia Giulia.

La Giunta si sta orientando in primo luogo a un incremento e una maggiore incisività sul piano dei controlli nei luoghi di lavoro, sollecitando le istituzioni e gli enti competenti.

Con una delibera odierna è stato dato avvio appunto all'iter relativo a un protocollo di collaborazione che sarà condiviso in prima istanza con quei soggetti pubblici a cui viene delegato il ruolo ispettivo e di controllo: Inps, Inail, Ispettorato del lavoro e Ufficio scolastico regionale. Una volta integrata e condivisa la bozza di protocollo sarà sottoposta anche agli altri portatori di interesse, come le organizzazioni sindacali, quelle datoriali e l'Associazione nazionale mutilati ed invalidi sul lavoro.

ARC/EP/fc
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Lavoro: Rosolen, via a selezioni per corsi mirati per il turismo

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Porto Vecchio: Fedriga, ok ad accordo per la riqualificazione

  • Finanza locale: Roberti/Zilli, via alla riforma dei tributi locali

Torna su
TriestePrima è in caricamento