GRANDE GUERRA: TORRENTI, VIA LIBERA A BANDO DA 200MILA EURO PER ALUNNI

Trieste, 5 feb - Via libera dalla Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia al Bando per gli incentivi a progetti educativi e didattici a favore degli alunni delle scuole sui fatti della Prima Guerra Mondiale. A disposizione ci sono 200.000,00 euro.

"È nelle scuole che cerchiamo di rendere più preziosa questa memoria e la storia sociale, culturale e politica del nostro Paese", ha commentato il proponente, l'assessore alla Cultura Gianni Torrenti. "Vediamo che i ragazzi - ha aggiunto Torrenti - si appassionano al tema e la conoscenza della storia dà loro un elemento molto importante di comprensione del presente".

Gli incentivi erogabili per ogni progetto sono compresi tra gli 8.000,00 e i 12.500,00 euro e le domande che richiedano importi inferiori o superiori non saranno ammesse. I soggetti beneficiari sono individuati fra le istituzioni scolastiche, gli Enti pubblici del Friuli Venezia Giulia, le associazioni, gli Enti di ricerca e i soggetti privati gestori di strutture che operano sui temi della Grande Guerra.

Ci si può presentare singolarmente o in partenariato, ma è requisito necessario avere la sede legale od operativa in Friuli Venezia Giulia. Sono escluse dal Bando le iniziative a carattere meramente rievocativo e quelle che hanno per oggetto unicamente celebrazioni commemorative, raduni d'arma o la sola realizzazione di produzioni editoriali, audiovisive e multimediali.

Le spese ammissibili per l'incentivo sono quelle direttamente collegabili al progetto, le spese di rappresentanza, per compensi e di funzionamento. La domanda, redatta sull'apposito modello, va trasmessa esclusivamente via PEC all'indirizzo cultura@certregione.fvg.it e deve pervenire perentoriamente, a pena di inammissibilità, entro lunedì 29 febbraio 2016, riportando nell'oggetto Avviso progetti didattici.

I progetti ammissibili saranno esaminati da una Commissione di valutazione presieduta dal direttore centrale competente in materia di Cultura e la graduatoria dei progetti sarà pubblicata entro 90 giorni dalla scadenza del termine di presentazione delle domande.

Per quanto riguarda i criteri di attribuzione del punteggio, su un totale di 100 punti, un massimo di 35 punti deriverà da criteri qualitativi oggettivi:
- capacità del soggetto di attrarre finanziamenti per progetti culturali e artistici;
- diffusione sul territorio regionale;
- apporto di fondi al progetto (pubblici e/o privati) diversi dal contributo regionale;
- apporti in forma di beni e servizi al progetto da parte di soggetti terzi (esclusi capofila e partner).

Un massimo di altri 65 punti disponibili risponderà a criteri valutativi, tra cui la qualità della proposta progettuale, l'interdisciplinarietà e innovatività, la capacità di attualizzare le tematiche affrontate e il coinvolgimento degli studenti in attività progettuali e nel recupero di storie, memorie, fotografie e scritti attinenti alla Prima Guerra Mondiale.

ARC/PPH



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Riccardi, da Cividale parte modello massivo per vaccinazioni

  • Covid: Bini, ristori anche a chi realizza corsi sportivi e ricreativi

  • Sport: Gibelli a Fipav, essenziali per benessere ragazzi e famiglie

  • Carburanti: Scoccimarro, Covid ha stravolto consumi, legge da rivedere

  • Attività produttive: Bini, nuovo servizio completa attrattività area

Torna su
TriestePrima è in caricamento