Imprese: 8,5 mln euro per sostegno avvio nuove attività

Udine, 20 mar - Il 19 aprile aprirà lo sportello per la presentazione delle domande di contributo a valere sul bando per il supporto alle nuove realtà imprenditoriali, che prevede una dotazione finanziaria di 8,5 milioni (fondi Por Fesr 2014-20). Il bando, approvato dalla Giunta regionale, intende incentivare la creazione di nuove imprese supportando i costi per l'avvio dell'attività e gli investimenti nel primo periodo e consentire, grazie ai contributi a fondo perduto erogati in regime di de minimis, di consolidare l'azienda nella sua fase di avvio, mitigando il possibile indebitamento. Possono beneficiare dei contributi aspiranti imprenditori e nuove imprese che abbiano definito un business plan. L'importo massimo del contributo a fondo perduto, pari al 60% della spesa ritenuta ammissibile, non deve essere superiore a 100.000 euro. L'importo complessivo degli aiuti de minimis concessi ad un'impresa unica, non può superare 200.000 euro nell'arco di tre esercizi finanziari. Sono ammissibili spese per beni nuovi di fabbrica; consulenze; servizi e prestazioni specialistiche; adeguamento e ristrutturazione dei locali; installazione impianti; progettazione, direzione lavori e collaudo; realizzazione o ampliamento del sito internet; locazione dei locali (anche in coworking); operazioni di credito per ottenere finanziamenti destinati all'attività aziendale; acquisto, ad esempio, di impianti specifici, arredi, macchinari e attrezzature, strumenti, hardware e software, acquisizione di brevetti o altre forme di proprietà intellettuale, diritti di licenza di sfruttamento o di conoscenze tecniche anche non brevettate; certificazione di qualità, deposito dei marchi e registrazione dei brevetti; veicoli; pagamento di canoni di utilizzo di software; pubblicità e attività promozionali, anche per la partecipazione a fiere ed eventi. Le spese di investimento devono rappresentare almeno il 70% del totale delle spese ammissibili. La chiusura finale del bando è fissata al 21 dicembre 2018, ma sono previste anche due chiusure intermedie: lo sportello del primo periodo si chiude il 30 giugno, quello del secondo il 30 settembre. ARC/EP/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Riccardi, da Cividale parte modello massivo per vaccinazioni

  • Covid: Bini, ristori anche a chi realizza corsi sportivi e ricreativi

  • Carburanti: Scoccimarro, Covid ha stravolto consumi, legge da rivedere

  • Sport: Gibelli a Fipav, essenziali per benessere ragazzi e famiglie

  • Attività produttive: Bini, nuovo servizio completa attrattività area

Torna su
TriestePrima è in caricamento