Notizie dalla giunta

Imprese: Bini, da Governo strumenti per potenziare risorse regionali

L'assessore a Roma per un vertice con il ministro Urso su terziario e sviluppo industriale Pordenone, 11 gen - "La road map dell'attuazione del disegno di legge sul Made in Italy e i nuovi fondi messi a disposizione per i contratti di sviluppo, pari a 3,5 miliardi di euro, illustrati oggi dal ministro Urso, rappresentano strumenti importanti per la crescita dell'Italia e dei territori regionali. Fondi che si aggiungono alle già ingenti risorse messe a disposizione dall'amministrazione del Friuli Venezia Giulia a favore del comparto produttivo. Basti ricordare la recente riforma del credito agevolato e i contratti di insediamento nei consorzi di sviluppo economico locale, in grado di attrarre negli ultimi sei anni un volume di investimenti privati che supera i 400 milioni di euro. L'incontro di oggi e gli elementi condivisi permetteranno un maggiore coordinamento, consentendo di procedere in parallelo con le risorse governative e i bandi regionali, anche nell'ambito della programmazione europea". Lo ha detto questa sera l'assessore regionale alle Attività produttive Sergio Emidio Bini durante un confronto a Roma nella sede del ministero dell'Industria e del Made in Italy nell'ambito del previsto incontro della Commissione Sviluppo economico della Conferenza delle Regioni, composta da tutti gli assessori alle Attività produttive, su una serie di questioni legate in particolare al commercio. Nel corso del confronto con il ministro Urso, l'assessore Bini ha sottolineato l'importanza - stessa esigenza è stata manifestata dalla Regione Lombardia - di una risposta rispetto al riconoscimento dello status di Zona logistica semplificata. A metà 2023, infatti, è stato aggiornato il Piano di sviluppo strategico seguendo le indicazioni pervenute dal Governo ed è stato inviato il documento al ministero per l'approvazione definitiva. "Chiediamo - ha rimarcato Bini - per quanto possibile di accelerare i tempi della risposta vista l'importanza che la Zls riveste per lo sviluppo e l'attrattività industriale del nostro territorio". Le Zls offrono, infatti, una serie di vantaggi alle imprese, tra cui semplificazioni burocratiche, procedure doganali agevolate, servizi di logistica avanzati e infrastrutture di alta qualità, al fine di stimolare lo sviluppo economico e migliorare la competitività delle imprese. Il vertice romano è stato anche l'occasione per ribadire l'attenzione sul caso Wartsila, tanto a livello nazionale quanto a livello regionale. L'assessore Bini ha sottolineato al ministro Urso "la necessità di proseguire il lavoro congiunto e il confronto tra Governo e Regione, al fine di individuare assieme il percorso più rapido ed efficace per garantire il futuro del sito produttivo e delle maestranze, anche alla luce del tavolo tecnico già convocato per la prossima settimana in relazione all'Accordo di programma che deve proseguire". La stessa linea d'azione basata sul confronto e la collaborazione tra Regione e Governo è stata ribadita anche in relazione alla vicenda Electrolux, in attesa di capire meglio quali saranno le ricadute sul territorio italiano e in Friuli Venezia Giulia del piano di riorganizzazione annunciato dalla multinazionale svedese. ARC/LIS/ma

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprese: Bini, da Governo strumenti per potenziare risorse regionali
TriestePrima è in caricamento