Imprese: defiscalizzazione e incentivi assunzioni attivi da luglio

Gradisca d'Isonzo (Go), 11 apr - Le misure per la crescita dell'economia del Friuli Venezia Giulia, quali defiscalizzazione e incentivi alle assunzioni, saranno attivi a partire da luglio, mese entro cui saranno adottati i regolamenti attuativi per beneficiare dei provvedimenti che la Regione ha inserito nella legge di Stabilità per favorire la competitività delle Pmi e riagganciare la crescita economica.

I provvedimenti sono stati illustrati a Gradisca di Isonzo (Gorizia) dalla Regione, rappresentata dagli assessori regionali alle Finanze e alle Attività produttive, nel corso di un incontro pubblico organizzato in collaborazione con Confartigianato. L'evento rientra nel road show con cui l'Amministrazione regionale sta portando a conoscenza del territorio e degli imprenditori interessati le nuove misure introdotte. I prossimi appuntamenti si terranno a Tavagnacco (Udine) e Muggia (Trieste). La misura più attesa, ovvero il taglio dell'Irap, è rivolta ad accrescere la competitività delle aree montane e ad attrarre nuovi investimenti sul territorio regionale. L'aliquota Irap sarà infatti portata a zero in tutti i Comuni montani e per tutti i nuovi insediamenti in regione. Alcune misure determineranno anche ricadute di natura sociale, come la riduzione dell'1% dell'aliquota Irap per le imprese che investono nel welfare e nei patti di conciliazione lavoro - famiglia.

La Regione ha inteso favorire anche il reintegro nel mercato occupazionale dei lavoratori usciti da crisi aziendali, prevedendo, a livello di incentivo, deduzioni crescenti all'aumentare dell'età del lavoratore stabilizzato con contratto a tempo indeterminato. Con la misura del credito d'imposta, inoltre, la Regione mira a snellire gli adempimenti burocratici, sostituendo alla complessa istruttoria del bando per accesso ai contributi un'agevolazione fiscale diretta alle Pmi. Il credito d'imposta è riconosciuto sugli importi che la singola impresa deve versare all'erario; beneficiari della misura sono le imprese operanti sul territorio regionale che investano in ricerca e sviluppo, in sicurezza dei sistemi informatici, big data e competenze digitali nonché in attività di fusione e acquisizione. La misura è concessa entro i parametri del regime de minimis, ovvero fino a un massimo di 200mila euro in tre esercizi finanziari. Su questa misura la Regione ha collocato risorse per 5 milioni di euro a valere sul 2019. Grazie a una convenzione con l'Agenzia delle entrate, saranno definiti il codice tributo per accedere alla compensazione tramite il modello F24, i trasferimenti dalla Regione all'Erario a copertura degli importi compensati, un sistema di controlli a campione sulla correttezza degli importi accreditabili concessi. L'introduzione del credito d'imposta in sostituzione al contributo a fondo perduto porterà a un ampliamento del 18% della platea delle imprese beneficiarie. In queste settimane il confronto stretto con le categorie economiche sarà utile a definire ulteriori aspetti di dettaglio dell'applicazione della norma al termine di un percorso partecipativo e di condivisione. ARC/SSA/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Covid: Riccardi/Roberti, bene adesione vaccinazioni forze dell'ordine

  • Salute: Riccardi, dal 2 marzo riparte ortopedia a San Daniele

  • Cultura: Gibelli, con Legno Vivo nuovi percorsi formazione artigiani

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

  • Istruzione: Rosolen, nuovo corso specializzazione settore dell'arredo

Torna su
TriestePrima è in caricamento