Incendio Santarossa: Arpa, ricadute polveri a sud di Pordenone

Trieste, 28 giugno - In merito all'incendio dello stabilimento Santarossa che si è verificato nelle prime ore di questa mattina, l'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente (Arpa) informa in una nota d'aver provveduto ad effettuare delle simulazioni con modelli matematici per valutare l'area di maggior ricaduta degli inquinanti e delle polveri aerodisperse.

I primi risultati delle simulazioni indicano che le condizioni meteo erano tali da favorire l'innalzamento dei fumi oltre i 600 metri d'altezza. In queste condizioni le ricadute del particolato combusto avvengono in forma diluita e in zone lontane dallo stabilimento in fiamme.

Le direzioni dei venti in quota hanno portano le emissioni dell'incendio verso oriente e le ricadute sono pertanto avvenute nella pianura a sud di Pordenone, interessando solo marginalmente il Veneto in prossimità del confine con il Friuli Venezia Giulia.

I tecnici di Arpa hanno inoltre effettuato un accurato sopralluogo della zona in prossimità dell'incendio e sono ancora presenti sul luogo con una squadra di specialisti per gli accertamenti e le valutazioni più opportune, anche al fine di definire ulteriori campionamenti ed analisi.

ARC/ARPA/Red
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Salute: Riccardi, dal 2 marzo riparte ortopedia a San Daniele

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Covid: Riccardi/Roberti, bene adesione vaccinazioni forze dell'ordine

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

Torna su
TriestePrima è in caricamento