rotate-mobile
Notizie dalla giunta

Infrastrutture:al via intervento Cold ironing Porto Nogaro per 7,8 mln

Alimenterà 4 navi in banchina con energia proveniente da fonti rinnovabili. Ridotta del 30% la CO2

Udine, 29 mag - La Regione ha sottoscritto il contratto di appalto per la realizzazione dell'impianto di elettrificazione della banchina Margreth di Porto Nogaro e del connesso impianto fotovoltaico con il relativo accumulo. L'atto è stato siglato con il raggruppamento temporaneo di imprese formato da Elettromeccanica Veneta srl (mandataria capogruppo) e Nobile impianti srl (mandante), per un importo contrattuale pari a 5.258.137,77 euro, a fronte di una spesa complessiva prevista per l'opera corrispondente a 7,8 milioni di euro.

A darne notizia è l'assessore regionale alle Infrastrutture all'indomani della sottoscrizione del contratto con il quale si da il via libera ai lavori previsti nel programma di investimenti infrastrutturali in ambito portuale, sinergici e complementari al Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e finanziati con risorse del Piano Nazionale Complementare (PNC). Questo traguardo si inserisce in successione rispetto all'aggiudicazione dei lavori, avvenuta lo scorso 29 marzo e alla fase progettuale esecutiva, conclusa nel 2023. I lavori a Porto Nogaro inizieranno nei prossimi giorni, nel perfetto rispetto del cronoprogramma previsto dal Pnrr.

Come spiega l'assessore regionale, le caratteristiche tecniche dell'intervento - che trova collocazione nel Piano operativo triennale (Pot) di Porto Nogaro 2022-2024 - sono state dimensionate sul target di naviglio che principalmente utilizza lo scalo nogarese, rappresentato da navi cargo. Puntando su un orizzonte futuro di maggior sviluppo dello scalo portuale, si è ipotizzato di allestire un sistema che consenta l'alimentazione in contemporanea di 4 navi attraccate in banchina tramite il "cold ironing", utilizzando energia prodotta principalmente da fonti rinnovabili. L'impianto fotovoltaico è integrato da un sistema di accumulo che, ottimizzando l'utilizzo della fonte energetica solare, contribuirà all'alimentazione delle navi ormeggiate in banchina anche nelle ore notturne.

Il sistema di "cold ironing" progettato per Porto Nogaro prevede due cabine di distribuzione, sei punti di connessione in banchina e un sistema shore to ship su carrello mobile. L'intervento prevede inoltre l'inserimento di un articolato impianto di pannelli fotovoltaici a supporto del sistema e delle varie esigenze portuali. L'impianto fotovoltaico verrà installato sulle coperture libere disponibili presenti nell'area portuale e garantirà la disponibilità di 1,31 MWp.

La realizzazione degli interventi previsti consentirà di ridurre le emissioni di CO2 equivalenti di Porto Nogaro di circa il 29% rispetto agli ultimi dati degli studi disponibili, riferiti all'anno 2019. ARC/AL/ma



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infrastrutture:al via intervento Cold ironing Porto Nogaro per 7,8 mln

TriestePrima è in caricamento