Notizie dalla giunta

Infrastrutture: Amirante, a Brugnera scuola modello a "zero gas"

L'assessore in visita al cantiere dell'istituto Carniello: esempio virtuoso di risparmio energetico Brugnera, 31 ott - "La costruzione di questo nuovo edificio scolastico a servizio dell'Ipsia "Carniello" di Brugnera rappresenta davvero una importante innovazione sul fronte dell'edilizia scolastica. Si tratta infatti di una delle prime scuole in via di realizzazione in regione con un doppio finanziamento, Pnrr e Regione, in anticipo sul cronoprogramma. Inoltre, è avanzatissimo dal punto di vista energetico in quanto non dipende dal gas ma esclusivamente da fonti rinnovabili e pulite che lo rendono a emissioni zero. E in più rappresenta un esempio virtuoso in quanto realizzato in sinergia con l'istituzione scolastica, il Comune e imprese del territorio". Lo ha detto questa mattina l'assessore regionale alle Infrastrutture e territorio, Cristina Amirante, in occasione della visita al cantiere dei lavori per la realizzazione di un nuovo edificio scolastico, ormai giunto alla copertura, a servizio dell'Ipsia "Carniello" a Brugnera. Un intervento che si è reso necessario per dare una risposta al forte incremento di iscrizioni e alla crescita che l'istituto scolastico sta registrando negli ultimi anni. I lavori - seguiti dall'Edr di Pordenone, su delegazione amministrativa della Regione - sono stati consegnati lo scorso mese di marzo e secondo il cronoprogramma più recente, in anticipo sui tempi, è ipotizzabile la fine dell'opera entro il prossimo mese di giugno, in modo da consentire alla scuola di essere pronta per l'inizio dell'anno scolastico 2024-2025. L'edificio è costituito da undici aule, di cui quattro speciali e attrezzate a laboratori, una sala insegnanti che servirà anche come sala riunioni. Il finanziamento complessivo per la nuova ala dell'istituto è di 4 milioni 940 mila euro, di cui 4 milioni 180 mila derivanti dal Pnrr, mentre i fondi dell'Amministrazione regionale sono di 760 mila euro. "Un edificio - ha aggiunto Amirante - realizzato secondo i più avanzati criteri di risparmio energetico che consentirà a studenti e docenti di vivere in un ambiente confortevole. Il nuovo stabile (il primo edificio scolastico di questo tipo nel Pordenonese e tra i pochissimi in regione, Ndr) non dipenderà dal gas, ma soltanto da fonti rinnovabili e l'impianto fotovoltaico è in grado di far fronte all'80 per cento del fabbisogno massimo ipotizzabile per il suo utilizzo. Inoltre, l'immobile è completamente domotizzato e automatizzato in base all'andamento climatico e al numero di persone presenti nei locali dell'edificio. Anche l'illuminazione interna viene regolata sulla base degli scenari dati dalla luce naturale, il sistema automatico è in grado di regolare sia le lampade a led che gli oscuranti esterni". "Questo è un progetto - ha concluso Amirante - che rappresenta anche un esempio virtuoso in quanto realizzato in forte sinergia con l'istituzione scolastica, il Comune e imprese del territorio. Con questa struttura si implementa un polo scolastico di importanza regionale che offre l'opportunità agli studenti di avere immediatamente un posto di lavoro nelle imprese del territorio creando le condizioni affinché i giovani rimangano in Friuli Venezia Giulia". Alla visita erano presenti i vertici dell'Edr di Pordenone, il sindaco di Brugnera Renzo Dolfi e i rappresentanti delle diverse imprese che stanno realizzando l'opera. ARC/LIS/pph

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infrastrutture: Amirante, a Brugnera scuola modello a "zero gas"
TriestePrima è in caricamento