Notizie dalla giunta

INTERREG: SANTORO, PROGETTI FVG-SLO PER VALORIZZARE HABITAT

Pordenone, 9 settembre - Su proposta dell'assessore Mariagrazia Santoro, la Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia ha autorizzato la direzione centrale Infrastrutture e Territorio della Regione a partecipare, in qualità di partner  associato, al Programma di Cooperazione transfrontaliera Interreg V-A Italia-Slovenia 2014-2020 con tre progetti: Oasis Time Machine, Nat2care e Kar.La.

"Si tratta di iniziative - commenta Santoro - che utilizzano le conoscenze e le esperienze reciproche in tema di ecosistemi e tutela della biodiversità con l'obiettivo di pervenire alla valorizzazione transfrontaliera della fauna e della flora che caratterizzano alcune particolari aree naturalistiche dell'Alto Adriatico".

Oasis Time Machine (La macchina del tempo. Valorizzazione oasi faunistiche lacustri, zone umide e villaggi palafitticoli) è il Progetto proposto dalla Comunità Collinare del Friuli in qualità di capofila e annovera tra i partner  italiani anche il Comune di Staranzano per la Riserva naturale Foce dell'Isonzo e il Comune di Cavallino Treporti (VE), oltre a tre partner  sloveni (RRA Nova Gorica, il Comune di Rence Vogrsko e il Comune di Brezovica).

Tale Progetto prevede la focalizzazione dell'azione alla conservazione, valorizzazione e promozione congiunta transfrontaliera degli ambiti lacustri e delle zone umide presenti nei territori considerati, con l'obiettivo di realizzare una sorta di macchina del tempo.

Nat2care (Attivazione della cittadinanza per il ripristino e la conservazione delle aree Natura 2000 transfrontaliere) è proposto in qualità di capofila dall'Ente Parco naturale delle Prealpi Giulie e annovera tra i partner  anche il Parco delle Dolomiti Friulane e l'Università di Udine.

Con un budget di 1,3 milioni di euro per una durata di 30 mesi, si prefigge il ripristino e la conservazione delle biodiversità attraverso misure e sottomisure mirate alla gestione degli Habitat di Natura 2000 al fine di migliorare le conoscenze e le condizioni ecologiche per alcune specie faunistiche quali, ad esempio, i galliformi, i rallidi e i coleotteri. Mira inoltre ad attivare il monitoraggio delle specie floristiche e faunistiche, tramite protocolli transfrontalieri.

Il terzo Progetto, Kar.La, promuove un approccio per la gestione e la conservazione degli ecosistemi dei laghi carsici. Ne è capofila l'Università di Trieste, con due partner  italiani, l'Istituto nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (OGS) di Borgo Grotta Gigante e il Comune di Doberdò del Lago, e tre partner  sloveni: Nacionalni laboratorij za zdravje, okolje in hrano di Capodistria; Institut za raziskovanje Krasa di Postumia; Notranjski regijski park di Cerknica.

Utilizzando un budget  di 1,4 milioni di euro, mira a sviluppare attività congiunte per la gestione dei due siti di importanza prioritaria, la Grotta Gigante e le Grotte di Postumia.

ARC/CM/fc

 



Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INTERREG: SANTORO, PROGETTI FVG-SLO PER VALORIZZARE HABITAT

TriestePrima è in caricamento