Istituzioni: Serracchiani, prosegue rafforzamento amministrativo Fvg

Trieste, 8 agosto - E' partita la fase finale del percorso che porterà al nuovo Piano di rafforzamento amministrativo (Pra), strumento di durata biennale che ha l'obiettivo di ottimizzare l'efficienza amministrativa regionale in generale e migliorare la gestione dei fondi europei di investimento (Fesr e Fse).

I passaggi, indicati in una comunicazione alla Giunta dalla presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, prevedono l'immediato avvio di un questionario di autovalutazione ("self assessment") per verificare il percorso del Pra e la costituzione di un gruppo di lavoro interdirezionale.

L'attività di autovalutazione è finalizzata a monitorare i progressi fatti nei primi due anni, a individuare criticità e a definire interventi standard e target di una Regione, il Friuli Venezia Giulia, che a dicembre del 2016 risultava tra le migliori cinque Amministrazioni nazionali per completamento degli interventi mirati. Il questionario, preparatorio alla seconda fase del Pra, verrà completato entro il 31 agosto.

A sua volta, il gruppo di lavoro interdirezionale, che sarà coordinato dalla Direzione generale, vedrà l'intervento delle Autorità di gestione dei programmi comunitari interessati.

La redazione del Pra del Friuli Venezia Giulia, frutto di un'analisi delle criticità emerse a livello regionale e nella gestione dei fondi Sie (Fondi strutturali di investimento europei) nella precedente programmazione 2007-2013, ha portato all'individuazione degli obiettivi e di 42 azioni di miglioramento. La prima fase del Piano si è conclusa il 29 maggio 2017, ovvero alla scadenza del primo biennio dall'approvazione, con il completamento di 37 azioni sulle 42 previste. Delle cinque azioni non ancora concluse, le tre relative al completamento dei sistemi informatici si trovano in un avanzato stato di attuazione con un'attività completata per una percentuale superiore all'80 per cento (conclusione prevista entro l'anno corrente); una è collegata alla piattaforma di formazione regionale e verrà conclusa entro l'autunno e una è dipendente da attività di formazione coordinate a livello nazionale e il cui termine è previsto entro novembre 2017.

Dopo la redazione di una prima bozza entro ottobre 2017 e la conclusione del negoziato entro dicembre 2017, l'adozione del nuovo Piano di rafforzamento amministrativo del Friuli Venezia Giulia è prevista a partire da gennaio 2018, periodo nel quale anche le altre amministrazioni italiane centrali e regionali licenzieranno i rispettivi Pra, accompagnate e supportate dall'Agenzia per la coesione territoriale. L'allineamento della tempistica dei Pra a livello nazionale consentirà un monitoraggio più efficace e il proficuo scambio e utilizzo delle migliori pratiche messe in atto dalle amministrazioni italiane coinvolte. ARC/PPH/ppd



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Patrimonio: Callari, immobili Regione supporteranno Gorizia 2025

  • Autonomie locali: Roberti a Governo, urgente sblocco concorsi

  • Salute: Riccardi, potenziare servizi autismo è atto di normalità

  • Università: Rosolen, circa 450mila euro per studenti in affitto 2020

  • Salute: Riccardi, con odontoiatria a Monfalcone più risposte

Torna su
TriestePrima è in caricamento