LAVORO: AL VIA PROGETTO EURADRIA 2016, OPPORTUNITÀ TRANSFRONTALIERE

Udine, 9 maggio - Opportunità e sfide del lavoro transfrontaliero; giovani, lavoratori e lavoratrici in settori ad alta mobilità come le nuove tecnologie e il settore nautico; cooperazione con le istituzioni slovene e croate, tra datori e lavoratori. Queste le parole d'ordine del Progetto comunitario Euradria 2016, il cui Comitato di pilotaggio si è riunito oggi a Trieste.

Guidato dall'Agenzia regionale per il Lavoro del Friuli Venezia Giulia, il Progetto è stato approvato e finanziato dalla Direzione Employment della Commissione Europea e rappresenta la più importante iniziativa a supporto del mercato del lavoro nella regione a cavallo tra Italia, Slovenia e Croazia.

Euradria 2016 coniuga azioni per così dire tradizionali e azioni sperimentali a favore di specifici segmenti del mercato del lavoro transfrontaliero, in un momento storico in cui vi è bisogno più che mai di cooperazione tra istituzioni nazionali e regionali nella nostra area, ha rimarcato l'assessore regionale al Lavoro Loredana Panariti.

In questo modo, ha proseguito l'assessore, si rende sempre più operativa la cooperazione già istituita tra i maggiori attori pubblici e privati del mercato del lavoro transfrontaliero regionale, sloveno e croato, specializzandosi su alcuni settori caratterizzati da alti tassi di mobilità dei lavoratori.

L'auspicio per il futuro è di poter progettare azioni sempre più specifiche e collaborative in modo tale da ridurre a zero gli ostacoli alla mobilità che tutt'ora persistono.

Tra le azioni al via per l'annualità 2016, il partenariato lavorerà sul monitoraggio dei flussi dei lavoratori transfrontalieri, sulla qualità del lavoro stesso e sulle norme - talvolta non armonizzate, nonostante il comune quadro europeo - che regolano il mercato del lavoro in questo segmento geografico.

Cuore e motore del Progetto è, come in precedenza, la rete degli Eures Advisers italiani, croati e sloveni che ogni giorno assicurano i servizi di informazione, collocamento e assunzione ai datori di lavoro e alle persone in cerca di un impiego in tutti i Paesi dell'Unione Europea.

ARC/EP/com



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Riaperture: Fedriga, da Regioni ok a linee guida

  • Pnrr: Rosolen, così cambiano scuola, formazione e lavoro post Covid

  • Lavoro: Rosolen, domicilio fiscale per modulare incentivi assunzioni

  • Turismo: Fedriga, da Regioni criteri riparto 700 mln a Comuni aree sci

  • Ferriera: Scoccimarro, da chiusura area a caldo due terzi PM10 in meno

Torna su
TriestePrima è in caricamento