Domenica, 13 Giugno 2021
Notizie dalla giunta

Lavoro: Rosolen, accordo con Officine riunite per ricollocare esuberi

Udine, 14 mag - "La Regione è concretamente vicina ai lavoratori della Officine Riunite Udine e all'azienda tutta nel percorso di uscita dalla crisi. Ancora una volta l'avvio di politiche attive del lavoro si prefigura come l'unico reale sostegno alla ricollocazione di lavoratori in esubero, con programmi mirati di formazione che tengono conto dei bisogni specifici degli addetti in un momento di difficoltà".

È questo il commento dell'assessore regionale al Lavoro, Alessia Rosolen, nell'annunciare l'approvazione del protocollo d'intesa tra la Regione, l'azienda Officine Riunite-Udine (Oru) di Campoformido, assistita da Confindustria Udine e Confindustria Alto Adriatico, e le rappresentanze sindacali (Rsu, Fiom-Cgil e Fim-Cisl) che consente all'azienda friulana di accedere alla Cassa integrazione guadagni straordinaria potendo contare sull'avvio di specifici percorsi regionali di politica attiva del lavoro.

Le Oru, nell'ambito di un piano di riassetto delle attività industriali, hanno pianificato la dismissione di alcune attività con la conseguente chiusura dei reparti di carpenteria e tranciatura e di parte della collegata verniciatura.

"L'azienda si è dichiarata disponibile ad avviare la procedura per la richiesta del trattamento in Cigs ai sensi della normativa nazionale. La crisi dell'azienda rientra nella situazione di grave difficoltà occupazionale del settore manifatturiero sul territorio regionale, accertata in sede di Tavolo regionale di concertazione; pertanto ci sono i presupposti affinché la Regione applichi gli strumenti di politica attiva del lavoro previsti dal Piano di gestione della situazione medesima, la cui efficacia è stata prorogata fino al 31 dicembre di quest'anno" ha spiegato Rosolen.

L'azienda, che produce impianti e macchine per il betonaggio, ha risentito negli ultimi anni della concorrenza di fornitori esteri locali nei Paesi a basso costo dove è maggiormente in crescita l'industria edile e di un più ampio blocco della domanda interna. Dall'esercizio 2016 l'azienda permane in una situazione di perdita che si è ulteriormente aggravata nel 2019. Il fatturato nel biennio 2019-2020 è passato da 25 milioni a meno di 16 milioni di euro.

L'Amministrazione regionale ha dato da subito la disponibilità ad accompagnare, per quanto di propria competenza e per il tramite della Direzione centrale lavoro, il procedimento di concessione del periodo di Cigs, concordando specifiche azioni di politica attiva del lavoro. Verrà quindi avviata una serie di colloqui di orientamento al lavoro personalizzati, con la stipula di un piano di azione individuale. L'accordo sottoscritto con il lavoratore concorderà le azioni utili alla ricollocazione, tra cui tirocini e corsi di formazione. Il piano terrà conto delle necessità occupazionali delle Oru e del territorio di riferimento, nonché delle competenze delle lavoratrici e dei lavoratori, per favorirne la ricollocazione interna o presso datori di lavoro terzi. ARC/SSA/ma



Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro: Rosolen, accordo con Officine riunite per ricollocare esuberi

TriestePrima è in caricamento