Lavoro: Rosolen, applicare misure specifiche di tutela per disabili

Trieste, 31 mar - "Applicare le misure specifiche di tutela per i lavoratori dipendenti disabili impossibilitati a prestare regolarmente servizio in questo periodo di sospensione delle attività causato dall'emergenza epidemiologica del Covid-19, come previsto dal decreto legge 18 del 17 marzo".

Le chiede l'assessore regionale al Lavoro Alessia Rosolen, che estende un appello ai datori di lavoro, sensibilizzandoli rispetto "all'esigenza di rispettare, segnatamente, quanto previsto dall'articolo 26, comma 2 e dall'articolo 39. In sintesi, nel primo caso si chiarisce che questo periodo dovrà essere considerato per i disabili alla stregua di un ricovero ospedaliero e che questi non potranno essere messi in ferie. Quanto all'articolo 39, si prevede che, fino al 30 aprile, sia prioritario assegnare la facoltà di svolgere le mansioni in modalità di 'lavoro agile' ai lavoratori disabili o a chi ha, all'interno del proprio nucleo familiare, una persona disabile".

"Non sono previsti accorgimenti peculiari per i disabili nell'intesa sulla cassa integrazione in deroga - ha aggiunto Rosolen -, ma ricordo che tutti sono tenuti a rispettare quanto già previsto dal decreto legge del 17 marzo. Gli accorgimenti rispetto all'impossibilità di mettere questi lavoratori in ferie e all'obbligo di riconoscere loro un canale prioritario per l'assegnazione del lavoro agile devono essere rispettati e applicati".

"Ringrazio il presidente della Consulta disabili Mario Brancati per le sue segnalazioni - ha concluso l'assessore -. Da parte nostra, ci rivolgiamo al tessuto economico affinché non vengano mai meno l'osservanza delle regole e la sensibilità nei confronti di questa categoria". ARC/COM/cca/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento