Mercoledì, 17 Luglio 2024
Notizie dalla giunta

Lavoro: Rosolen, da Regione risposte concrete su fronte antimobbing

Presentati i dati dei quattro sportelli di ascolto regionali Trieste, 4 ago - "Il Friuli Venezia Giulia è tra le poche regioni in Italia ad aver istituito una legge, in vigore dal 2005, per dare sostegno e aiuto a tutti i lavoratori che si trovano a vivere situazioni di disagio e di vessazione nei luoghi di lavoro. Offriamo ai cittadini un servizio gratuito attraverso i centri di prevenzione operanti nelle quattro ex Province. La loro attività è fondamentale non solo per dare risposte concrete sul tema dell'antimobbing, ma anche per dare una fotografia sulla qualità del lavoro in regione". Lo ha affermato oggi a Trieste l'assessore regionale al Lavoro Alessia Rosolen in occasione della presentazione dei dati degli sportelli di ascolto antimobbing di Gorizia, Udine, Pordenone e Trieste (quest'ultimo riaperto recentemente grazie all'impegno della Regione) relativi al primo semestre 2023. Uno strumento con cui, come ha sottolineato la rappresentante della Giunta, "viene dato supporto ogni anno a migliaia di lavoratori, accompagnandoli con metodo standardizzato nel superare il disagio derivante da fenomeni poco gradevoli che possono verificarsi nei luoghi di lavoro". "La Regione - ha assicurato Rosolen - intende continuare a investire con decisione su questo tema, partendo dalla solida rete creata con sindacati, associazioni del terzo settore e istituzioni nazionali. L'obiettivo è anche quello di informare i cittadini in merito alla presenza di questi sportelli e costruire buone pratiche applicabili in maniera omogenea sul territorio". I punti di ascolto, gestiti in convenzione da Amministrazioni comunali e organizzazioni sindacali, forniscono consulenze mirate per verificare l'eventuale sussistenza di una situazione di malessere psicofisica del lavoratore e per suggerire strategie di difesa per la risoluzione o il contenimento della situazione gravosa. Altra attività principale è l'azione sul territorio volta a creare delle buone prassi lavorative, attraverso conferenze pubbliche gratuite mirate ad accrescere la consapevolezza dei lavoratori rispetto a ciò che stanno vivendo sul posto di lavoro. Dai numeri presentati, è emerso che le persone che si rivolgono agli sportelli di ascolto sono in prevalenza donne (circa il 70 percento), con un'età superiore ai 50 anni (tra il 40 e il 50 percento; seguono i lavoratori di età compresa tra i 41 e 50 anni), un contratto di lavoro a tempo indeterminato (circa il 90 percento) e operanti nel settore privato (circa il 70 percento). Tutti questi dati percentuali risultano in lieve aumento rispetto al primo semestre del 2022. Tra le principali cause a provocare le situazioni di disagio risaltano i mutamenti aziendali (circa il 40 percento) e, a seguire, fattori socio-anagrafici e richieste della persona. Le tipologie di vessazioni rilevate riguardano principalmente umiliazioni e critiche, ma anche marginalizzazione, eccesso di controllo, assegnazioni di compiti eccessivamente gravosi o, al contrario, demansionamenti. ARC/PAU/al

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro: Rosolen, da Regione risposte concrete su fronte antimobbing
TriestePrima è in caricamento