Lavoro: Rosolen, per disabilità nuove regole e misure innovative



Trieste, 14 nov - Nella seduta di ieri di Giunta è stata approvata la delibera che ridefinisce le misure dedicate alle persone con disabilità, con particolare attenzione ai percorsi formativi, di inserimento e di reinserimento nel mercato del lavoro.

Lo ha confermato l'assessore regionale al Lavoro, Alessia Rosolen, secondo la quale "nelle ultime settimane abbiamo ridefinito e perfezionato il concetto di lavoro per le persone con disabilità. La nuova legge 18 sul lavoro e successive modifiche normative ci hanno permesso di intervenire sui principi dell'inclusione sociale e lavorativa di persone con fragilità, con particolare attenzione all'utilizzo di nuovi strumenti di lavoro e a percorsi formativi espressamente concepiti per loro, con la presenza in determinati casi di tutor che consentano una reale integrazione nella dimensione occupazionale".

"Nove milioni e mezzo di euro saranno destinati ai Servizi integrazione lavorativa (Sil) per garantire una continuità di sostegno alle persone con disabilità per i prossimi sei anni: si tratta di fondi destinati a soggetti istituzionali che svolgono un ruolo di formazione e supporto alle persone con disabilità con maggiore difficoltà di inserimento lavorativo - ha chiarito Rosolen -. Abbiamo previsto inoltre fino a 60mila euro a progetto, nel caso di progetti innovativi presentati dalle aziende del territorio e rivolti all'inserimento lavorativo e alla valorizzazione della persona con disabilità, nonché incentivi per la specifica formazione della figura del responsabile dell'inserimento lavorativo che le aziende intenderanno istituire per facilitare l'integrazione lavorativa e l'inclusione sociale di queste persone". "Lo scorso anno 328 aziende sul territorio regionale hanno beneficiato di incentivi e strumenti finalizzati all'assunzione o alla stabilizzazione dei lavoratori con disabilità. Nel corso degli anni, al netto del calo del 2020 legato a fenomeni che evidentemente trascendono le singole categorie, abbiamo assistito a un progressivo aumento di assunzioni e alla stesura di progetti dedicati - ha precisato l'assessore -. Abbiamo inoltre introdotto misure per garantire anche il lavoro agile sia con idonee strumentazioni compatibili con la disabilità che con adeguata formazione. Il momento che stiamo vivendo impone di non considerare imprescindibile la presenza fisica per tutti gli ambiti di lavoro e noi abbiamo il dovere di creare le condizioni affinché non si verifichino discriminazioni. Naturalmente, ci sono ambiti occupazionali e situazioni particolari che necessitano del contatto e di un tutor che sia presente fisicamente". Rosolen ha infine spiegato che "nei confronti delle persone con disabilità è necessario e doveroso prevedere percorsi e misure adeguati e nello stesso tempo interventi che permettano una maggiore autonomia. Per questo abbiamo previsto non solo un aumento dei premi di incentivazione dei tirocini ma anche l'incentivazione di assunzioni e stabilizzazioni per contratti di almeno 15 ore settimanali". ARC/COM/gg



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga-Riccardi, parte predisposizione piano vaccinale per Fvg

  • Covid: Fedriga, parte da sei Comuni lo screening per isolare positivi

  • Stato-Regioni: Fedriga, vanno rinegoziate quote compartecipazioni Fvg

  • Covid: Riccardi, avviato drive in per screening popolazione Socchieve

  • Turismo: Bini, salvaguardare Iva ridotta per le marine nautiche

  • Territorio: Zannier, via riqualificazione parco Villa Moretti Tarcento

Torna su
TriestePrima è in caricamento