Maltempo: Fedriga, auspico agevolazioni fiscali da Governo

Trieste, 2 nov - "Sospensione degli obblighi fiscali così come dei termini di pagamento degli oneri previdenziali, assistenziali e assicurativi, delle rate dei mutui in essere e delle forniture di energia elettrica e gas".

Questo il pacchetto di pronto intervento, rivolto a cittadini e imprese delle aree del Friuli Venezia Giulia colpite dalla terribile ondata di maltempo, che il governatore Massimiliano Fedriga auspica possa condividere il Governo nazionale.

A questo proposito, Fedriga ringrazia sin d'ora la presidente della Commissione Attività produttive della Camera, Barbara Saltamartini, per avere manifestato la volontà di aiutare concretamente le regioni che stanno pagando il prezzo più caro in termini di danni a infrastrutture pubbliche e private.

"La prima quantificazione economica di 500 milioni di euro effettuata dalla Protezione civile - ricorda il governatore Fvg - è ingente quanto ancora provvisoria. La montagna udinese e pordenonese, le località marine e tutte le altre zone della regione che lamentano ingenti danni - sottolinea Fedriga - hanno bisogno di risposte immediate e garanzie certe per ripartire in fretta con l'obiettivo di non perdere terreno in termini di produttività così come nella qualità di vita della popolazione".

"La Regione - evidenzia ancora il governatore - sta facendo e farà il suo massimo per sostenere un territorio ferito, con troppi Comuni ora in grave difficoltà. La sinergia con il Governo - conclude Fedriga - è quindi fondamentale e, in questo senso, i segnali che sono giunti finora sono oltremodo incoraggianti".

ARC/FC
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Lavoro: Rosolen, via a selezioni per corsi mirati per il turismo

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Porto Vecchio: Fedriga, ok ad accordo per la riqualificazione

  • Finanza locale: Roberti/Zilli, via alla riforma dei tributi locali

Torna su
TriestePrima è in caricamento