Maltempo: Zannier, da Tagliere Solidale fondi per boschi Forni Avoltri

"Serve più manutenzione foreste per limitare danni"

Udine, 3 set - Costruire, attraverso i fondi derivati dalla vendita dei taglieri e donati al Comune di Forni Avoltri, percorsi di conoscenza del bosco e, al tempo stesso, dare un contributo concreto al recupero di parte del materiale legnoso schiantatosi a terra a seguito dalla tempesta Vaia abbattutasi sul Friuli Venezia Giulia.

È questo il duplice obiettivo del progetto Tagliere Solidale presentato oggi, nella sede della Regione a Udine, alla presenza dell'assessore regionale a Risorse forestali e Montagna, Stefano Zannier, del presidente di Legno servizi, Emilio Gottardo, del sindaco di Forni Avoltri, Sandra Romanin, e dei rappresentanti di numerose associazioni che hanno aderito all'iniziativa.

Grazie all'intuizione di Pefc Italia, una catena di solidarietà si è mossa per restituire, almeno in parte, ai boschi e alle montagne un po' di valore dando il proprio contributo al recupero del materiale schiantato. La regia del progetto è stata affidata alla cooperativa Legno Servizi di Tolmezzo e alla rete d'imprese FriûlDane; il materiale utilizzato per creare i taglieri è quello proveniente dagli abeti bianchi abbattuti dal maltempo nella zona di Claut, tagliati in una segheria di Travesio e poi modellati dalle mani di artigiani della Valcellina.

Come spiegato nel corso dell'incontro, dalla vendita di ogni singolo pezzo, un euro verrà destinato al Comune di Forni Avoltri, tra i più colpiti da Vaia; l'Amministrazione comunale utilizzerà la somma raccolta per dare vita ad un percorso di sensibilizzazione e conoscenza del bosco, destinato non solo a scolaresche ma anche alle famiglie. "In questo modo - come ha spiegato il primo cittadino del Comune dell'Alto Friuli - intendiamo far capire quali siano le potenzialità di una risorsa di grande valore per il territorio regionale e, al contempo, dare vita ad una opportunità di tipo turistico per la montagna friulana".

Dal canto suo, l'assessore regionale ha evidenziato il fatto che un evento calamitoso come quello del novembre 2017 abbia comunque permesso di mettere in risalto il grande valore che ha il legno. "L'utilizzo dei tantissimi tronchi schiantati per realizzare diversi prodotti - ha detto Zannier - fa capire quale sia la circolarità dell'economia legata a questa materia prima e quanto possa essere importante il suo utilizzo in sostituzione di altri materiali usati quotidianamente in diversi settori".

L'esponente della Giunta Fedriga si è poi soffermato sulla necessità di una migliore gestione della risorsa boschiva. "La salute delle nostre foreste - ha detto Zannier - è legata principalmente alla manutenzione che, seppur vada fatta con canoni tecnici rigorosi, non può non essere compiuta anche al fine di ridurre i danni in casi di calamità come quelle verificatesi in passato. Inoltre, seppur Vaia abbia abbattuto solo l'1 per cento della superficie boschiva esistente, ha posto l'attenzione su un settore dalle enormi potenzialità e che nella nostra regione si dovrebbe utilizzare in modo più esteso".

Fino ad oggi sono già stati acquistati 10mila taglieri; l'obiettivo degli organizzatori del progetto è quello almeno di raddoppiare i pezzi venduti, complici anche le festività natalizie durante le quali gli oggetti da cucina potranno essere utilizzati come regalo. I taglieri sono reperibili alla Legno servizi, mentre in occasione di Friuli Doc anche la Coldiretti li metterà a disposizione del pubblico; inoltre potranno essere acquistati anche nei mercati coperti di Campagna amica. ARC/AL/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Covid: Riccardi/Roberti, bene adesione vaccinazioni forze dell'ordine

  • Cultura: Gibelli, con Legno Vivo nuovi percorsi formazione artigiani

  • Salute: Riccardi, dal 2 marzo riparte ortopedia a San Daniele

  • Istruzione: Rosolen, nuovo corso specializzazione settore dell'arredo

  • Turismo: Bini, Fvg propone a ministro Fondo di rotazione nazionale

Torna su
TriestePrima è in caricamento